Rapine nel Bolognese in pieno giorno nelle gioiellerie: quattro fermi, anche brindisini

I reati contestati ai quattro fermati, in concorso tra loro, sono quelli di rapina aggravata e furto aggravato

BRINDISI - Si erano dati alle rapine nelle gioiellerie del bolognese e ne stavano progettando in altre regioni. I carabinieri hanno fermato tre cittadini albanesi e un brindisino ritenuti responsabili di due rapine messe a segno a giugno e ad agosto scorsi presso le gioiellerie Stroili all'interno dei centri commerciali Meridiana di Casalecchio di Reno e Le Piazze di Castenaso, per un totale di poco meno di 150mila euro, ma ci avevano già provato anche nel modenese e nel ternano. 

I fermati

Si tratta di: Massimiliano Livera 23 anni di Brindisi, Arber Budani 24 anni nato a Brindisi e residente ad Ancona, Gentian Silaj 24 anni nato in Albania e residente a Guiglia (Mo) e Klejdo Islamaj 28 anni nato in Albania anche lui residente a Guiglia. 

I reati contestati ai quattro fermati, in concorso tra loro, sono quelli di rapina aggravata e furto aggravato. 
I Gip di Brindisi (Vilma Gilli) e Modena (Andrea Scarpa) hanno convalidato i fermi del Pubblico ministero e disposto la custodia cautelare in carcere per tutti gli indagati.

Il modus operandi era ormai collaudato: dopo aver rubato un'auto che utilizzavano per arrivare sul luogo dei colpi, in pieno giorno entravano incappucciati armati di martelli, spaccavano teche e vetrine e arraffavano i preziosi per poi darsi alla fuga a bordo di un furgone noleggiato nel brindisino, che li seguiva in tutti gli spostamenti. 

Le indagini 

Le attività investigative tra Bologna, Brindisi e Modena hanno preso avvio mettendo insieme le immagini delle telecamere di sorveglianza e il traffico telefonico dei soggetti, già noti alle forze dell'ordine, tra i luoghi dove erano avvenuti i furti dei veicoli e quelli delle rapine. 

Rapina al centro commericale: colpita una gioielleria

Ricostruendo i movimenti dei quattro arrestati, i carabinieri hanno appurato che avevano una sorta di "sede logistica" a Guiglia, in provincia di Modena, zona appenninica perfetta e isolata, ma erano in stretto collegamento con la città di Brindisi, dove sono cresciuti. Infatti commesse e personale dei negozi rapinati hanno riferito agli inquirenti di un accento meridionale-pugliese. 

La perquisizione nell'abitazione di Giuglia ha permesso di rinvenire le calzature utilizzate durante le rapine e riprese dalle telecamere, piedi porco e passamontagna. Anche i rilievi su un'auto rubata e rinvenuta a Savignano sul Panaro ha dato esito positivo, benché fosse stata ripulita con la candeggina: è spuntata una etichetta di una delle gioiellerie rapinate. Dopo i due colpi nel bolognese, i quattro si erano spostati in Germania. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Segiono aggiornamenti 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Altri 16 alunni positivi nel Brindisino: chiusa una scuola media

  • Migrante investito da un neopatentato: tragedia sulla provinciale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento