Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Micro-rete cellulare per la centrale Enel e il cantiere dei carbonili coperti

Athonet Smartgrid, società start-up del progetto di incubazione promosso da Enel, e 3 Italia, operatore mobile del Gruppo Hutchison Whampoa, hanno realizzato una rete dedicata 4G-Lte presso l'impianto Enel Federico II di Brindisi

BRINDISI - Athonet Smartgrid, società start-up del progetto di incubazione promosso da Enel, e 3 Italia, operatore mobile del Gruppo Hutchison Whampoa, hanno realizzato una rete dedicata 4G-Lte presso l'impianto Enel Federico II di Brindisi-Cerano, una delle centrali più importanti e all'avanguardia d'Europa. Grazie alla tecnologia di Athonet Smartgrid, valorizzata durante il periodo di accelerazione in Enel, e ai servizi dell'operatore mobile "3", "è stato possibile realizzare una micro-rete Tdd-Lte ultra-broadband dell'intero impianto, assicurando servizi di comunicazione dati, live video e voce, fissi e mobili, con un livello ottimale di copertura, bassissima latenza e garanzia di continuità di funzionamento anche in situazioni di criticità ed emergenza", si legge in una nota congiunta. La soluzione realizzata "crea a tutti gli effetti una micro-rete indipendente e dedicata che può essere replicata facilmente su altri impianti produttivi e cantieri". Si chiama "IIoT", Industrial Internet of Things, secondo un recente neologismo, il nuovo paradigma di "industria smart" che in questo caso viene applicato non solo all'impianto Enel di Brindisi, ma anche al cantiere adiacente impegnato nella costruzione di nuovi carbonili coperti.



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Micro-rete cellulare per la centrale Enel e il cantiere dei carbonili coperti

BrindisiReport è in caricamento