menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un mezzo veloce della Guardia Costiera e due moto d'acqua a Brindisi

Un mezzo veloce della Guardia Costiera e due moto d'acqua a Brindisi

Recuperati canoisti in difficoltà

BRINDISI – Salvi, grazie al tempestivo intervento del personale della Guardia Costiera di Brindisi, tre diportisti che nel tardo pomeriggio di ieri a causa del forse vento di scirocco, sono rimasti bloccati su uno degli isolotti rocciosi nella baia della riserva naturale di Torre Guaceto.

BRINDISI - Salvi, grazie al tempestivo intervento del personale della Guardia Costiera di Brindisi, tre diportisti che nel tardo pomeriggio di ieri a causa del forse vento di scirocco, sono rimasti bloccati su uno degli isolotti rocciosi nella baia della riserva naturale di Torre Guaceto. I tre erano a bordo di una canoa quando le onde hanno sospinto verso il largo.

La corrente era troppo forte e i tre sono rimasti bloccati sullo scoglio, che fortunatamente era sulla loro percorso di scarroccio. L'immediato allarme lanciato al numero di emergenza 1530 da alcuni testimoni che avevano seguito dalla spiggia l'evoluzione della vicenda, ha evitato che il gruppetto rimanesse bloccato a lungo sull'isolotto. All'arrivo dei militari della Guardia Costiera, i tre diportisti erano preoccupati e infreddoliti.

Erano riusciti a intercettare lo scoglio con non poche difficoltà. Le loro condizioni di salute, però, erano buone. I tre sono stati recuperati da quella delle due unità della Guardia Costiera che poteva manovrare meglio sul basso fondale, e sono stati trasportati al circolo velico a Baccatani,da cui erano partiti poco prima per un'escursione in mare. Per loro non si è reso necessario l'intervento di personale medico. La canoa non è stata recuperata, perchè non era stata tirata in secco sull'isolotto e quindi era stata trascinata via verso il largo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento