Altri due involucri di marijuana recuperati all'ex lido San Benedetto

I due involucri contenevano quasi 28 chilogrammi di sostanza stupefacente, presumibilmente proveniente dall'Albania. Sul posto Squadra Mobile e polizia di Frontiera

BRINDISI – Galleggiavano sullo specchio d’acqua antistante all’ex lido San Benedetto, in località Apani, gli ennesimi involucri di marijuana provenienti quasi certamente dall’Abania recuperati ieri (20 luglio) dai poliziotti della Squadra mobile di Brindisi e dell’ufficio di polizia di Frontiere, intervenuti congiuntamente sulla litoranea Nord del capoluogo.

Uno dei pacchi conteneva per 16,5 chilogrammi di droga, l’altro ne conteneva 10,2 chilogrammi. La sostanza stupefacente, come di consueto, era stata confezionata in involucri di cellophane di colore nero, tenuti insieme da nastro per imballaggi.

Attraverso alcuni tagli presenti sul cellophane, gli agenti hanno verificato che al loro interno vi era una sostanza verdastra.    Trasportati in ufficio, a seguito delle verifiche effettuate dal personale della polizia Scientifica, si è appurato che i pacchi contenevano, appunto, marijuana.

Analoghi ritrovamenti erano stati fatti lo scorso fine settimana dai carabinieri fra Torre San Gennaro e Rosa Marina, dove sono stati recuperati diversi involucri di marijuana, per un peso complessivo di circa 200 chilogrammi. Pochi dubbi sul fatto che si tratti di carichi provenienti dall’Albania, lungo le rotte seguite dai narcotrafficanti nel Canale d’Otranto.

     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento