menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I pendolari turnisti restano a piedi alle porte di Brindisi, e chiamano i taxi

Qualcuno ha dimenticato che a Brindisi ci sono lavoratori pendolari che sono sottoposti a turni sia nella zona industriale, che in altri impianti che richiedono lavorazioni continue, che in servizi pubblici

BRINDISI – Qualcuno ha dimenticato che a Brindisi ci sono lavoratori pendolari che sono sottoposti a turni sia nella zona industriale, che in altri impianti che richiedono lavorazioni continue, che in servizi pubblici. Stamani prima dell’alba alcuni pullman partiti dalle zone collinari della provincia, ad esempio, da ieri senza neve, hanno effettuato il collegamento che presuppone l’arrivo a Brindisi alle 5, ma probabilmente gli autisti – e pendolari – non erano stati informati della situazione della viabilità in città, dove la rimozione della neve è cominciata dopo le 7.

Abbiamo segnalazioni di autobus extraurbani bloccati alle porte della città, prima del Casale-Paradiso, che non potevano più procedere né manovrare, e di lavoratori che si sono dovuti fare a piedi le successive fermate sino a viale Arno al Perrino, o che hanno dovuto chiedere soccorso a colleghi di Brindisi, o ancora ricorrere ai taxi più capienti dotati di catene da neve. Questa è una città industriale, e il regolare accesso alle aziende doveva essere garantito per tempo con adeguati interventi, nel rispetto dell’ordinanza prefettizia.

Il villaggio San Paolo, alle porte della zona industriale-2

Così non è stato. Il Comune di Brindisi, stamani attorno alle 7, ha dovuto chiedere a varie imprese private di mettere a disposizioni macchine spalatrici e sale, nell’ambito di una iniziativa della Prefettura e della Provincia annunciata ieri dallo stesso prefetto Vardè nella sua ordinanza. Sempre da lavoratori pendolari che hanno contattato la Stp, si apprende che neppure al ritorno potranno essere prelevati dal posto di lavoro. Quindi nuovo ricorso ai taxi. Per la cronaca, alla partenza non era stato comunicato che i mezzi si sarebbero fermati alle porte del capoluogo.

La Stp conferma la situazione di emergenza, con un aggiornamento della viabilità fatto alle 12 di stamani, e diramato alle 13. "La Stp di Brindisi comunica che alle ore 12 di oggi domenica 8 gennaio 2017 la situazione del servizio di trasporto pubblico a Brindisi città ed in provincia è la seguente. Non è possibile garantire la sicurezza dei passeggeri e il regolare funzionamento delle linee sul servizio urbano di Brindisi e sui servizi extraurbani in provincia".

"Al momento non vi sono comunicazioni di miglioramento della viabilità da parte degli Enti preposti. È previsto in serata un lieve peggioramento delle condizioni meteo e pertanto potrebbe non essere possibile riprendere il regolare funzionamento della rete di trasporto. A Brindisi città è garantito esclusivamente il trasporto motobarca nelle acque del porto che sta effettuando regolarmente il proprio servizio. Preghiamo i nostri clienti e coloro i quali volessero avere aggiornamenti di seguire la nostra pagina facebook @stpbrindisi".

Articolo aggiornato alle ore 13 dell'8 gennaio 2017

.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento