menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Smontavano auto rubate: il gip conferma gli arresti domiciliari

Si tratta di due cugini e di un sorvegliato speciale sorpresi dai carabinieri in un garage clandestino

FASANO - Il gip del Tribunale di Brindisi ha convalidato gli arresti dei cugini omonimi Raffaele Buzzerio di 33 anni e Raffaele Buzzerio di 27 anni, e del sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno Tommaso bentivoglio di 27 anni, tutti di Fasano, per i reati di ricettazione e riciclaggio in concorso, arrestati dai carabinieri del Norm della compagnia cittadina. Nei  confronti degli indagati  è stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari presso il luogo di residenza, con il divieto di comunicare con persone diverse da quelle che con loro coabitano.

I fatti addebitati ai Buzzerio e Bentivoglio  risalgono al 28 maggio, quando i carabinieri del Norm della compagnia di Fasano hanno sorpreso i tre all'interno di un garage utilizzato e adibito ad officina meccanica clandestina, intenti a smontare un'autovettura Fiat 500 di proprietà di una società di autonoleggio con sede a Bolzano, rubata il 27 maggio a un turista tedesco 54enne. Nella circostanza i militari hanno rinvenuto anche un'autovettura Fiat Panda, rubata a una 32enne di Talsano il 21 aprile, centraline elettroniche decodificate, jammer, parti di autoveicoli e attrezzature meccaniche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento