rotate-mobile
Cronaca

A dicembre niente mercato di domenica a S.Elia: revoca dopo proteste

Il mercato settimanale di S. Elia anche di domenica ci mette in ginocchio: e questo segnale di malessere giunto dai commercianti della zona ha convinto l'assessorato comunale al ramo a procedere con l'annullamento di tale decisione

BRINDISI – Il mercato settimanale di S. Elia anche di domenica ci mette in ginocchio: e questo segnale di malessere giunto dai commercianti della zona ha convinto l’assessorato comunale al ramo a procedere con l’annullamento di tale decisione. Ha influito anche la posizione contraria espressa dalla commissione consiliare per le attività produttive, riunitasi il 20 dicembre. Il dirigente del Settore attività produttive, Nicola Zizzi, pertanto, ha revocato l’ordinanza del 2 luglio scorso con la quale si disponeva l’apertura straordinaria del mercato del rione Sant’Elia per le giornate del 14 e 21 dicembre prossimi, proprio nel periodo di picco delle vendite di generi alimentari (soprattutto) per le festività natalizie.

Domenica 9 novembre, invece, il mercato si è regolarmente svolto, in esecuzione della stessa ordinanza.  In questa occasione i commercianti del quartiere e zone limitrofe hanno verificato il calo di fatturato che li ha indotti alla protesta, accolta nel corso di una riunione svoltasi il 21 novembre alla presenza dello stesso Zizzi, dell’assessore al ramo Giuseppe De Maria, di Confesercenti, dell’Adoc, del Movimento Consumatori (assenti, invece, benché convocati, Confcommercio e Felsa Cisl), dopo che presso gli uffici dell’assessorato era pervenuta una petizione di 96 operatori commerciali di vicinato della città di Brindisi, che denunciava la perdita di incassi e conseguente peggioramento “di una situazione economico-finanziaria prossima al collasso”.

Finisce qui l’esperimento delle aperture anche domenicali del più grande e frequentato mercato del capoluogo? Pare di no: “Contestualmente, è stato deciso su proposta dell’assessore De Maria – si legge in un comunicato - di incontrarsi nel mese di gennaio 2015, e comunque periodicamente, per programmare eventuali aperture extra del mercato settimanale nel corso del nuovo anno”. Bisogna, peraltro, vedere cosa ne pensano i cittadini che con pensioni da fame o stipendi unici in famiglie numerose al mercato trovano occasioni di risparmio. Trovare un equilibrio tra le varie esigenze determinate dalla crisi, e tutte giuste, è complicato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A dicembre niente mercato di domenica a S.Elia: revoca dopo proteste

BrindisiReport è in caricamento