menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due bloccati su un'auto rubata, un terzo con accetta a bordo: denunciati

Gli episodi a Latiano ed Oria, nel corso di controlli dei carabinieri delle stazioni locali

Tre soggetti già noti alla giustizia sono stati fermati nel corso di controlli condotti dai carabinieri di Oria e Latiano, e denunciati uno per possesso di oggetti atti a offendere, e gli altri due per ricettazione di un’auto risultata rubata in una provincia vicina.

Nel dettaglio, i carabinieri della stazione di Oria nel pomeriggio hanno fermato nel corso di un controllo stradale una persona di 35 anni del luogo, con a carico varie vicende penali.  L’uomo, che era alla guida di una vettura, è stato dapprima sottoposto a perquisizione personale e trovato in possesso di un coltello a serramanico con lama lunga dieci centimetri. Nel corso della perquisizione del veicolo, invece, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato un’accetta e una chiave inglese.

I carabinieri della stazione di Latiano, invece, nel corso di un servizio di polizia giudiziaria organizzato dalla compagnia di San Vito dei Normanni, hanno intercettato, controllato e denunciato due soggetti del poto che si trovavano a bordo di una Fiat 500 di proprietà della società di noleggio Hertz, che era stata rubata il 6 settembre a una persona di 57 anni di Taranto. Per i carabinieri non si è trattato di una sorpresa perché i due, un 27enne e un 21enne, sono entrambi sottoposti a misure cautelari disposte dalla magistratura.

Il 27enne è stato denunciato oltre che per ricettazione anche per guida senza patente perché mai conseguita, con l’aggravante della recidiva. Il veicolo è stato sottoposto ad ulteriori accertamenti al fine di verificare se sia stato impiegato in qualche evento delittuoso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento