menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Tari: chiarezza sulle spese di invio cartelle, o farò un esposto"

Non si può certamente sostenere che il Comune di Brindisi non abbia subito un consistente danno economico a causa del differimento, dal 31 dicembre 2015 al 15 gennaio 2016, della data entro cui doveva essere effettuato il pagamento della terza rata della tassa sui rifiuti

Non si può certamente sostenere  che il Comune di Brindisi non abbia subito un consistente danno economico  a causa del differimento,  dal 31 dicembre 2015 al 15 gennaio 2016, della data entro cui doveva essere effettuato il  pagamento della terza rata della tassa sui rifiuti.    

Questo perché la  ritardata  riscossione di quelle somme, ha verosimilmente inciso  sul livello di  esposizione bancaria del Comune e quindi sull’entità degli interessi,  che deve  pagare per i prestiti consistenti ( anticipazioni di cassa),  che nel frattempo ha richiesto alla propria banca. Interessi, che  lo scorso anno hanno  raggiunto la cifra stratosferica di quasi 500.000, 00 euro  ( 1 miliardo di lire ),  oltre naturalmente  ai quasi 3 milioni di euro per soli  interessi sui mutui. 

Uno rinvio  dettato dalla costatazione,  che nonostante si fosse giunti a pochi giorni dalla scadenza del termine di pagamento,  moltissimi cittadini non avevano ancora ricevuto  l’ avviso e il mod. F.24 per poterlo effettuare. Non è comunque un fatto insolito per questa città.

Ormai lo spostamento e,  il conseguente ritardato introito di somme riferite alla tassa sui rifiuti, è  diventato quasi una consuetudine. Come è accaduto, solo per citarne qualcuno, con  la rata del 31 dicembre 2014, spostata al 30 gennaio 2015, come anche  per la rata del 30 giugno 2014, spostata al 31 luglio 2014 e per  la rata del 31 maggio 2013, spostata al 20 giugno 2013.

E’ evidente  che l’amministrazione comunale, oltre a quantificare il danno procurato in questa circostanza, debba accertare le responsabilità,  contestarle e sanzionarle, per recuperare le somme corrisposte a titolo di interessi, per evitare che siano sempre i cittadini a pagare per inefficienze altrui. Ma va anche chiarito,  se il danno economico  prodotto nei periodi precedenti, sia stato quantificato e recuperato.

In questa circostanza va finalmente reso pubblico quanto negli anni scorsi,  il Comune di Brindisi ha corrisposto al concessionario della riscossione dei tributi  a titolo di “spese postali” o “spese” , commesse con l’invio degli avvisi di pagamento della tassa sui rifiuti, pur  essendo stata informata che lo stesso, contrariamente a quanto disposto in contratto,  aveva addebitato ad ogni contribuente le stesse spese. Con la probabile conseguenza, che si sia pagato due volte lo stesso servizio.

In mancanza, sarò costretto a segnalare entrambe le  vicende alla Corte dei Conti,  insieme ai tanti cittadini che non vogliono pagare  un danno prodotto da altri,  ma anche subire quello che a molti è apparso, un probabile abuso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

Alimentazione

I motivi per cui il peso varia da un giorno all'altro

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Economia

    Mama Park e GolosOasi: la famiglia Dellomonaco vi aspetta

  • social

    Mesagne, “Il forno di Erasmo” sulla guida Gambero Rosso

  • social

    Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento