Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Rifiuti, si cambia registro: un’agenzia regionale per la gestione unica

Il nuovo organismo avrà il compito di attuare il piano regionale di gestione e determinare le tariffe. I sindaci del Brindisino a Bari da Emiliano: "Costi troppo alti per il conferimento in Romagna"

BRINDISI – Si cambia registro nella gestione dei rifiuti in Puglia, costretta a fare i conti con una serie di criticità dalla Capitanata al Salento, passando per Bari: la Regione pensa a una gestione unica che dovrebbe essere affidata a un’Agenzia da tenere a battesimo con personalità giuridica di diritto pubblico, stando al disegno di legge approvato oggi con l’obiettivo di modificare le disposizioni in vigore dal 2012.

Michele Emiliano-3Il nuovo assetto concepito dalla maggioranza di centrosinistra della Regione è stato anticipato in mattinata dal governatore Michele Emiliano ai sindaci del Brindisino, i quali avevano chiesto un incontro all’indomani della decisione della struttura commissariale dell’Oga di smaltire i rifiuti dei comuni della provincia in Emiliano Romagna, presso i siti del gruppo Hera Ambiente. Decisione definita come necessaria posto che gli impianti presenti a Brindisi sono sotto sequestro nell’ambito di due diverse inchieste della Procura, Autigno per inquinamento della falda e il Cdr per corruzione contestata all’ex sindaco Mimmo Consales e all’imprenditore Luca Screti. Né sono disponibili gli impianti del Salento.

I sindaci, tutti con la fascia Tricolore, hanno chiesto alla Regione di sostenere la maggiorazione dei costi conseguente al trasporto e allo smaltimento in Emilia. Le tariffe, a quanto pare, sarebbero triplicate con ulteriori ripercussioni sui contribuenti.

All’incontro erano presenti anche i sub commissari Oga Gianfranco Grandaliano e Floriana Gallucci. “La Regione ha dato ampia disponibilità e supporto per sbloccare la situazione impiantistica nell’ambito della provincia, al fine di superare la fase emergenziale in atto”, si legge nella nota stampa. “Il presidente Emiliano ha riferito ai sindaci che è in corso di approvazione la nuova legge regionale sulla governance della gestione del ciclo dei rifiuti che mira a sbloccare la situazione impiantistica che al momento purtroppo è carente”.

La novità attiene all’istituzione di un’Agenzia della Regione Puglia per il servizio di gestione dei rifiuti con personalità giuridica di diritto pubblico e autonomia tecnico giuridica amministrativa e contabile. Con un “nuovo impianto normativo che mira ad ottimizzare l’attività gestionale relativa all’affidamento dei servizi di raccolta, spazzamento e trasporto dei rifiuti solidi urbani, attraverso l’attribuzione all’Agenzia dei compiti attinenti all’espletamento degli affidamenti dei servizi predetti, consentendo in tal modo una forma di controllo delle procedure più organica , unica e a tutela della concorrenza, trasparenza nel rispetto delle normative nazionali vigenti nonché delle determinazioni della Autorità competenti di controllo”.

Sarà affidato all’Agenzia il compito di provvedere all’attuazione del piano regionale di gestione dei rifiuti, dovrà determinare le tariffe per l’erogazione dei servizi, controllare i livelli generali del servizio e gli standard di qualità e disciplinare i flussi di smaltimento. “Tale disposizione rappresenta una misura di accelerazione dell’avvio della nuova governance volta a strutturare l’Agenzia, rendendola operativa in breve tempo per i Comuni titolari delle funzioni, nonché per dare immediata attuazione al Prgru estinguendo le criticità presenti nel ciclo di gestione dei rifiuti urbani nel territorio regionale”.

Il disegno di legge che contiene le modifiche alle disposizioni di legge in materia di rifiuti è stato approvato dai componenti della  V Commissione regionale presieduta da Filippo Caracciolo, all’unanimità dei presenti. Le opposizioni hanno abbandonato l’aula in segno di protesta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, si cambia registro: un’agenzia regionale per la gestione unica

BrindisiReport è in caricamento