menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti speciali a bordo del traghetto Brindisi-Valona: arresti in Albania

La polizia albanese sequestra un grosso quantitativo di rifiuti ritrovati nel garage della nave St Damian. Indagati il capitano e i rappresentanti di due società albanesi. Cautela dalle autorità brindisine

BRINDISI – Un grosso quantitativo di rifiuti speciali è stato sequestrato stamattina (venerdì 21 febbraio) dalla polizia albanese a bordo della nave “St Damian”, attiva sulla linea Brindisi-Valona, nell’ambito di una operazione, denominata “Amiant”, che ha portato all’arresto di sei cittadini albanesi (K. Xh, 65 anni; A. Ç, 28 anni; A. G., 48 anni; F. T., 71 anni; E. Ç, 55 anni; S. K., 45 anni) tutti residenti a Valona, per contrabbando di merci vietate e illeciti in materia di gestione e trasporto dei rifiuti.

Fra i sei arrestati vi sono anche il capitano della nave, finita sotto sequestro, e gli amministratori di due società albanesi che operano nel settore dello smaltimento dei rifiuti. L’inchiesta è stata condotta dal dipartimento di Polizia criminale, dalla direzione della Polizia locale di Valona e dagli uffici di frontiera di Valona, in collaborazione con la Procura di Valona e il ministero dell'Ambiente.

Il traghetto “trasportava una notevole quantità di rifiuti pericolosi per la salute umana e l'ambiente – si legge in una nota della polizia albanese - al fine di depositarli in Albania. I rifiuti sono stati trovati nella parte inferiore del garage". Fra questi, oltre a materiali di scarto di vario tipo, vi sono anche dei barili, il cui contenuto è da appurare. 

Cautela dalle autorità brindisine

La vicenda viene seguita dalla Capitaneria di porto di Brindisi e dall’Autorità di sistema portuale del Mar Adriatico Meridionale. Il presidente dell’Authority, Ugo Patroni Griffi, contattato da BrindisiReport, invita alla cautela, prima di trarre delle conclusioni.

Non è da escludere infatti che i rifiuti sequestrati dalla polizia albanese possano consistere in oli esausti, filtri o acque di sentina provenienti dalla sala macchine, oltre che in materiali di scarto dovuti a lavorazioni o interventi effettuati a bordo del traghetto. 

A tal proposito va ricordato che, sulla base di ordinari contratti marittimi previsti nell’ambito delle normative europee, una nave può scegliere in quale porto conferire i rifiuti speciali prodotti a bordo, che per propria natura sono inquinanti. Da quanto appreso dalle autorità italiane, la nave, da contratto, ha scelto il porto di Valona per il conferimento dei rifiuti speciali di bordo. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Francavilla Fontana: nuove opportunità contro la povertà educativa

Attualità

San Donaci, compie 100 anni: auguri a nonna Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento