rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca Ostuni

Rolex contraffatti messi in commercio: gioielliere a giudizio

Contestati i reati di riciclaggio e autoriciclaggio a un 61enne di Ostuni coinvolto nell’operazione Frankestein. Cadono due capi di imputazione

OSTUNI – Cadono due accuse nei confronti del 61enne Giuseppe Pannofino, gioielliere di Ostuni, amministratore di fatto de “Lo Scrigno” coinvolto in un procedimento su un presunto sistema di contraffazione e ricettazione di orologi Rolex, commercializzati in Italia ed in Europa. Il commerciante, difeso dall’avvocato Francesca Conte, ha ottenuto il proscioglimento rispetto a due capi di imputazione: uno per il reato di riciclaggio aggravato in concorso, perché il fatto non sussiste; l’altro per il reato di appropriazione indebita in concorso, perché l’azione penale non avrebbe potuto essere promossa per mancanza di querela. 

Il 61enne dovrà però rispondere in tribunale di altri presunti episodi di riciclaggio aggravato in concorso ed autoriciclaggio aggravato. Oltre a lui saranno giudicati con rito ordinario altri tre imputati residenti fra le province di Taranto e Bari. Il rinvio a giudizio è stato disposto nella giornata di venerdì (31 marzo) dal gup del tribunale di Brindisi, Valerio Fracassi. Tre imputati, tutti di Taranto, sono stati condannati in abbreviato. Altri due avevano patteggiato. 

Pannofino, insieme ad altri cinque indagati, fu raggiunto da ordinanza di custodia cautelare nell’aprile 2018. Il provvedimento restrittivo scaturì dalle indagini condotte di militari del Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Brindisi, nell’ambito di quella che fu ribattezzata l’operazione Frankestein. L’inchiesta fu coordinata dal pm Raffaele Casto. 

Secondo l’accusa sarebbero stati alterati, mediante assemblaggio, pezzi non autentici con movimenti e parti originali di costosissimi orologi. I beni, corredati da scatole, garanzie, certificati di proprietà ed altri accessori (in modo da creare pezzi difficilmente riconoscibili da normali acquirenti come accertato dalle perizie di famose maison orologiere) sarebbero stati poi rivenduti ad ignari clienti e/o ad altre imprese. La Rolex Italia Spa è parte offesa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rolex contraffatti messi in commercio: gioielliere a giudizio

BrindisiReport è in caricamento