rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Rischio Daspo per 6 ultras del Fasano

FASANO – Rischiano il Daspo (divieto di accedere alle manifestazioni sportive) sei tifosi dell’Us Fasano calcio denunciati dai carabinieri della locale compagnia.

FASANO ? Rischiano il Daspo (divieto di accedere alle manifestazioni sportive) sei tifosi dell?Us Fasano calcio denunciati dai carabinieri della locale compagnia, in seguito ad alcune intemperanze avvenute nel corso del derby Pezze di Greco ? Fasano disputatosi lo scorso 27 ottobre, per la quinta giornata del campionato di Prima Categoria, presso lo stadio Sergio Ancona di Pezze.

Si tratta dei fasanesi R.B., 24 anni, C.B., 31 anni, A.C., 26 anni, R.M., 30 anni, G.C., 28 anni, 3 A.S., 35 anni, residente a Locorotondo, tutti appartenenti a un gruppo organizzato della tifoseria biancazzurra.

In base a quanto accertato dai militari del Norm guidati dal tenente Pierpaolo Convertino, i denunciati, nel corso delle battute finali del match, si sarebbero aggrappati alle recinzioni che separano il terreno di gioco dalla gradinata in cui erano assiepate, anche se in settori distinti, entrambe le tifoserie, rivolgendo frasi ingiuriose contro le forze dell?ordine in servizio all?interno dello stadio per garantire l?ordine pubblico.

A scatenare la loro ira sarebbero state una serie di decisioni arbitrali dalle quali sono scaturite tre espulsioni nei confronti di altrettanti giocatori del Fasano, uscito sconfitto per 3-1. Grazie alla visione delle immagini riprese dalle telecamere di cui è dotato l?impianto, i carabinieri sono riusciti a identificare i responsabili dei disordini, denunciati quindi per oltraggio a pubblico ufficiale.

L?episodio è stato inoltre segnalato agli uomini della Digos della questura di Brindisi, ai quali adesso spetterà segnalare a loro volta al questore la vicenda: spetta infatti ad esso decidere se emettere o meno il Daspo nei confronti dei tifosi.

 

 

 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischio Daspo per 6 ultras del Fasano

BrindisiReport è in caricamento