Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Emergenza rifiuti per ora risolta, ma pagheranno i Comuni

E' già terminata l'emergenza rifiuti, scattata nella tarda mattinata di ieri, mercoledì 25 marzo, a Brindisi e provincia. Queste le ultime notizie che giungono da Palazzo di Città, a seguito della riunione Oga

BRINDISI - E’ già terminata l’emergenza rifiuti, scattata nella tarda mattinata di ieri, mercoledì 25 marzo, a Brindisi e provincia. Queste le ultime notizie che giungono da Palazzo di Città, a seguito della riunione Oga (organo di governo d’ambito che si occupa degli impianti pubblici legati al ciclo dei rifiuti), convocata dal presidente Mimmo Consales e svoltasi questa mattina (giovedì 26 marzo) alla presenza dei sindaci dei venti Comuni della provincia e dei rappresentati di Formica Ambiente e Nubile. La discarica che aveva chiuso i battenti, accoglierà di nuovo i rifiuti in uscita dal biostabilizzatore, gestito dalla ditta di smaltimento rifiuti.

“Al termine di un confronto approfondito  - si legge in una nota stampa del Comune - durante il quale sono emerse tutte le criticità che ieri hanno determinato la interruzione del servizio, le aziende Nubile e Formica Ambiente, anche sulla base di precisi impegni assunti dai Comuni, hanno raggiunto una intesa, valida fino alla vigenza dell’ordinanza del Presidente della Regione Puglia (trenta giorni, a partire dal 13 marzo 2015). In tal modo la discarica Formica Ambiente consentirà immediatamente il ripristino dell’attività di conferimento della frazione biostabilizzata prodotta dall’impianto gestito da Nubile. Ciò consente quindi di affermare che la fase emergenziale può ritenersi conclusa.”

Intanto, secondo quanto appreso, pare che la soluzione al problema relativo al pagamento delle spettanze per lo sversamento dei rifiuti in Formica e alle garanzie finanziarie che quest’ultima chiedeva a Nubile con una fideiussione da poco meno di 500mila euro, sia quella della cessione di credito. La ditta, infatti, provvederà a trasferire gli onorari ai vari Comuni che si impegneranno direttamente a saldarli ai gestori della discarica. Questo avverrà fino a quando sarà in vigore l’ordinanza emessa dalla Regione Puglia relativa alla chiusura della discarica di Autigno, a causa dell’eccessivo inquinamento della falda acquifera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza rifiuti per ora risolta, ma pagheranno i Comuni

BrindisiReport è in caricamento