rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca Francavilla Fontana

Rissa fra famiglie con carabinieri feriti: i quattro contendenti tornano liberi

Il giudice convalida l'arresto dei due padri e dei rispettivi figli coinvolti nella baruffa. Il giudizio per direttissima slitta a maggio

FRANCAVILLA FONTANA – Il giudice convalida l’arresto e contestualmente rimette in libertà le quattro persone coinvolte nella rissa verificatasi mercoledì sera (22 marzo) in via Aldo Moro, a Francavilla Fontana. Davanti al gip si sono presentati stamattina due padri e i rispettivi figli. I quattro (il 49enne C.M. e il 20enne M.M. assistiti dall’avvocato Donato Manelli, il 59enne M.A. e il 36enne R.A. difesi dall’avvocato Angelo Di Mitri) erano ristretti in regime di domiciliari con le accuse di rissa, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. 

Le due famiglie si sono fronteggiate all’esterno di un bar. Inizialmente lo scontro è stato di natura verbale, con scambio di offese e minace. Una pattuglia di carabinieri della locale compagnia ha faticato terribilmente a separare i contendenti. L’alterco, infatti, è andato avanti nonostante la presenza degli uomini in divisa, fino a quando non si è passati dalle parole alle mani. Nella baraonda generale, un carabiniere è stato colpito alla testa e al collo, mentre un collega ha riportato una ferita a un dito. Poi, a fatica, i militari sono riusciti a placare gli animi. 

Entrambi i carabinieri sono stati condotti presso il Pronto soccorso dell’ospedale Camberlino di Francavilla Fontana, dal quale sono stati dimessi con prognosi di cinque e un giorno. Prognosi di cinque e tre giorni, invece, per due dei quattro facinorosi.

Per la mattinata odierna, oltre all’interrogatorio di convalida, era previsto anche il giudizio per direttissima, ma l’udienza è slittata a maggio, a seguito della richiesta dei termini a difesa. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa fra famiglie con carabinieri feriti: i quattro contendenti tornano liberi

BrindisiReport è in caricamento