menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rogo di sterpaglie carbonizza palme nel centro abitato: danni e disagi

L'erba infestante ormai secca e mai tagliata sta cominciando a creare seri problemi nel territorio di San Pietro Vernotico: quasi ogni giorno vanno a fuoco distese di sterpaglie anche nel centro abitato con danni alla Salute e all'Ambiente

SAN PIETRO VERNOTICO – L’erba infestante ormai secca e mai tagliata sta cominciando a creare seri problemi nel territorio di San Pietro Vernotico: quasi ogni giorno vanno a fuoco distese di sterpaglie anche nel centro abitato con danni alla Salute e all’Ambiente. E non sempre le cause dei roghi sono di natura accidentale, spesso accade che qualcuno, stanco di vedere campi incolti e abbandonati trasformati in discariche e ricettacolo di animali, appicca il fuoco. In alcune zone del paese l’odore di bruciato è costante sia di giorno che di notte.

Nella mattinata di oggi l’ennesimo incendio di erba secca ha carbonizzato le grandi palme di contrada Paisiello. Alberi piantati circa quindici anni fa.

palme bruciate-4

“Non vengono potate dai tempi dell’amministrazione Rizzo – spiega un residente – i rami ormai toccavano il suolo, ho chiesto interventi agli uffici preposti ma nessuno si è mai degnato di provvedere alla manutenzione di questi alberi nonostante le continue richieste  e oggi è successo quello che non avremmo mai voluto, quelle belle palme che davano lustro al quartiere sono andate distrutte”.

palme2-2

Come spesso accade in questi casi l’incendio sarebbe partito da una distesa di erba secca adiacente al terreno comunale dove dimoravano quelle palme, il rogo in pochi minuti ha divorato tutto ciò che ha incontrato fino a raggiungere il ciglio della strada e gli alberi. Il fumo ha invaso le abitazioni circostanti creando seri disagi ai residenti.

La responsabilità di questi danneggiamenti ricade su tutti: dal cittadino che non cura il suo terreno all’amministrazione che non solo non provvede a tenere puliti e in ordine i suoli comunali ma non controlla quelli dei privati. Il danno resta al cittadino, all’ambiente e alla Salute. Un altro aspetto che non va sottovalutato è che spesso in questi terreni vengono abbandonati rifiuti, che vanno a fuoco. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento