menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una radiomobile dei carabinieri

Una radiomobile dei carabinieri

Rubano un'auto, subito catturati

ORIA – Nemmeno il tempo di rubare un'auto che già si trovano braccati dai carabinieri. Arresto lampo la notte scorsa ad Oria da parte del Norm di Francavilla Fontana.

ORIA - Nemmeno il tempo di rubare un'auto che già si trovano braccati dai carabinieri. Arresto lampo la notte scorsa da parte dei militari del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Francavilla Fontana: in manette con l'accusa di furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale in concorso ci sono finiti il francavillese Mario Iurlaro di 21 anni e l'oritano Giorgio Schiavone di 43 anni, entrambi volti già noti alle forze dell'ordine.

La vittima del furto, una donna di Oria, è stata informata dell'accaduto dagli stessi carabinieri, non si era ancora accorta che la sua Lancia Musa era stata rubata. L'episodio si è verificato poco dopo le 3 della notte scorsa a Oria. Una pattuglia del Norm durante un normale servizio di controllo del territorio ha notato un'auto aggirarsi per le vie del paese con manovre sospette. Al tentativo di fermare il veicolo intimando l'alt con la paletta,il conducente della Musa ha risposto con la fuga.

Ne è nato un inseguimento conclusosi poco dopo sulla provinciale 71, la Oria-Latiano. I due ladri hanno anche tentato di fuggire a piedi ma sono stati raggiunti in pochi minuti dai carabinieri. Non ci è voluto molto per scoprire che quell'auto era stata rubata. Nell'abitacolo c'erano cacciavite e altri attrezzi da scasso. Su disposizione del pubblico ministero di turno i due sono stati arrestati e trasferiti nelle loro abitazioni in regime di arresti domiciliari. L'auto è stata restituita alla proprietaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento