rotate-mobile
Cronaca

Rubati 3000 chili di rame

BRINDISI - Hanno letteralmente ripulito un cantiere edile della zona industriale di Brindisi in cui erano riposti 3mila chilogrammi di cavi in rame dal valore ingente, ma ancora da quantificare. I ladri sono fuggiti via con un buon quantitativo di “oro rosso” in forma di bobine e simili che erano lì in attesa di essere sistemati nell’edificio in fase di realizzazione. Il danno lo ha subito la ditta Fir srl, una impresa edile della zona, proprietaria dell’enorme quantitativo di materiale che non era assicurato.

BRINDISI - Hanno letteralmente ripulito un cantiere edile della zona industriale di Brindisi in cui erano riposti 3mila chilogrammi di cavi in rame dal valore ingente, ma ancora da quantificare. I ladri sono fuggiti via con un buon quantitativo di ?oro rosso? in forma di bobine e simili che erano lì in attesa di essere sistemati nell?edificio in fase di realizzazione. Il danno lo ha subito la ditta Fir srl, una impresa edile della zona, proprietaria dell?enorme quantitativo di materiale che non era assicurato.

Sono stati i titolari della ditta ad accorgersi dell?incursione notturna e della scomparsa del rame, ben quotato sul mercato nero. Hanno denunciato tutto ai carabinieri di Brindisi che hanno avviato le indagini e sperano di riuscire a risalire agli autori del furto pur non potendo contare su alcun supporto digitale. La zona infatti non è coperta da alcun sistema di videosorveglianza, non vi sono quindi immagini a disposizione degli investigatori che debbono affidarsi unicamente ad attività di tipo tradizionale. Tremila chili di rame non sono pochi e si sa bene che il business è fiorente, in provincia di Brindisi e non solo. Lo dimostrano i sequestri effettuati nei mesi trascorsi, ma anche la quantità di denunce inerenti le razzie di quel materiale che fa tanto gola alla malavita.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubati 3000 chili di rame

BrindisiReport è in caricamento