menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rotatoria all'ingresso di Cellino San Marco

Rotatoria all'ingresso di Cellino San Marco

Rubati fucili, danaro e gioielli

CELLINO SAN MARCO – Non c'è più pace per i residenti di Cellino San Marco, il paese dove da cinque mesi si è insediata la commissione di indagine antimafia per accertare eventuali infiltrazioni criminose nella vita pubblica.

CELLINO SAN MARCO - Non c'è più pace per i residenti di Cellino San Marco, il paese dove da cinque mesi si è insediata la commissione di indagine antimafia per accertare eventuali infiltrazioni criminose nella vita pubblica e i cui risultati non sono ancora stati resi noti: dopo i colpi di pistola sparati per strada contro un meccanico, lunedì scorso, martedì è stato perpetrato un furto di armi, denaro e gioielli del valore di circa 40mila euro, ai danni di un imprenditore del posto.

Naturalmente i due episodi non sono collegati e nemmeno le vittime hanno rapporti di parentela o amicizia ma entrambi gli episodi, accaduti anche a poche ore di distanza l'uno dall'altro, rafforzano un quadro già carico tensioni e preoccupazioni per il susseguirsi dei numerosi fatti criminosi che stanno funestando il paese da un anno a questa parte, nonostante gli sforzi delle forze dell'ordine di mantenere il controllo.

Martedì sera un imprenditore, incensurato e lontano da ambienti criminali, tornando a casa ha trovato una brutta sorpresa: gli era stata sportata una fuciliera blindata al cui interno c'erano due armi, regolarmente detenute, gioielli e denaro contante, del valore complessivo di circa quarantamila euro. L'abitazione visitata dai ladri non è lontana dal centro e confina da entrambi i lati con case abitate.

I malfattori sono entrati forzando il portoncino principale, hanno agito tra le 18,30 e le 20,30 e sono riusciti a portare via, indisturbati, una armadietto del peso di almeno cento chili dove c'erano custodite oltre alle armi anche gli oggetti di valore e i soldi. Ladri professionisti e spavaldi, sulle cui tracce si sono messi i carabinieri, ma che stanno togliendo la serenità a buona parte della cittadinanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento