Cronaca

Sottratti 22mila euro di energia per il negozio: arrestata e rilasciata

Continuano i controlli di carabinieri e personale Enel finalizzati al contrasto del fenomeno del furto di energia elettrica. E ancora una volta è stata scoperta una attività commerciale che funzionava sottraendo elettricità grazie ad una manomissione del contatore

BRINDISI - Continuano i controlli di carabinieri e personale Enel finalizzati al contrasto del fenomeno del furto di energia elettrica. E ancora una volta è stata scoperta una attività commerciale che funzionava sottraendo elettricità grazie ad una manomissione del contatore. Secondo i calcoli dell'Enel, il conto dell'energia non pagata ammonterebbe a circa 22 mila euro. I fatti si sono svolti ieri venerdì 10 aprile, a Brindisi, dove i carabinieri della stazione prin cipale hanno tratto in arresto in flagranza di reato, per furto aggravato, R.L. di 54 anni, originaria di Lecce, ma titolare di un'attività commerciale in Brindisi. La commerciante, mediante l'applicazione di un magnete sul contatore presente nel suo esercizio, ha sottratto energia elettrica per circa 70.000 kW. Su decisione del pm di turno, dopo le formalità di rito R.L. è stata rimessa L.R. è stata rimessa in libertà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sottratti 22mila euro di energia per il negozio: arrestata e rilasciata

BrindisiReport è in caricamento