S.Lorenzo da dimenticare: la spiaggia di Campo di Mare trasformata in discarica

Un coltello a serramanico spezzato, cocci di vetro, contenitori vari, accampamenti fai da te, buste, cumuli di bottiglie, pezzi di legno e metallici, pietre, carte e rifiuti di ogni genere

CAMPO DI MARE – Un coltello a serramanico spezzato, cocci di vetro, contenitori vari, accampamenti fai da te, buste, cumuli di bottiglie, pezzi di legno e metallici, pietre, carte e rifiuti di ogni genere. Uno scenario spaventoso e vergognoso quello che si sono trovati davanti gli operatori della Monteco, la ditta che si occupa dell’igiene urbana sul territorio di San Pietro Vernotico, all’alba di oggi, venerdì 11 agosto, il giorno dopo San Lorenzo, sulla spiaggia di Campo di Mare, presa d’assalto ieri sera da centinaia di comitive di giovani e famiglie che hanno trascorso la serata e la notte sotto le stelle.

Va subito precisato che l’intervento notturno dei mezzi meccanici è stato ostacolato dalla presenza delle tende abusive e che di conseguenza la pulizia dell’arenile non è stata effettuata come da protocollo. Va anche detto che alcuni “tendeggiatori” abusivi si sono lamentati per la presenza degli operatori ecologici che nella notte hanno cercato di preparare la spiaggia per i villeggianti del giorno dopo. In un caso si è reso necessario l’intervento degli agenti della Polizia locale.

Insomma, nonostante le continue campagne di sensibilizzazione sull’importanza della tutela dell’ambiente, che passa soprattutto dalla differenziazione dei rifiuti e dal rispetto dei luoghi pubblici, gli inquinatori continuano ad agire indisturbati e più strafottenti che mai. Il risultato è che ancora una volta le feste in spiaggia portano disagi e malumori.

“Sarebbe bastato solo raccogliere i rifiuti nei sacchetti e lasciarli sulla sabbia, ci avremmo pensato noi a rimuoverli – commenta Alfredo Liaci, responsabile del cantiere Monteco di San Pietro, che all’alba si è recato personalmente in spiaggia per monitorare la situazione – quello che abbiamo trovato è vergognoso, è proprio l’esempio di quanto poco rispetto c’è verso i beni pubblici e verso il prossimo, verso chi doveva andare in spiaggia la mattina dopo”.

spiaggia sporca campo di mare-2

L’ordinanza di balneazione 2017 vieta i bivacchi e gli accampamenti sull’arenile di tutto il litorale pugliese. In assenza di controlli il divieto non viene rispettato, di conseguenza in nottate come quelle tra San Lorenzo e Ferragosto le spiagge diventano anche ostaggio di incivili che le trasformano in discariche.

“Per ovvie ragioni i tempi per la pulizia si sono allungati considerevolmente, la spiaggia è troppo sporca, l’intervento non è stato completato nella notte perché c’erano le tende e già dalle prime ore del giorno c’erano altri vacanzieri. Ho mandato gli operatori a rimuovere manualmente i rifiuti ma l’operazione sarà più lunga del previsto. Certamente la riporteremo a nuovo ma spero che per le prossime feste in spiaggia la gente sia più rispettosa. Da parte nostra c’è tutto l’impegno a mantenere la marina pulita ma serve collaborazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

Torna su
BrindisiReport è in caricamento