Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca San Pietro Vernotico

San Pietro, i nuovi assessori a lavoro per "ricostruire San Pietro"

Si sono insediati ufficialmente il 22 giugno e sono già a lavoro per "ricostruire San Pietro" (questo il motto che li ha accompagnati durante la campagna elettorale) i cinque assessori nominati dal nuovo sindaco del Comune di San Pietro Vernotico Maurizio Renna, eletto il 31 maggio scorso con la lista civica "Ricostruiamo San Pietro"

SAN PIETRO VERNOTICO – Si sono insediati ufficialmente il 22 giugno e sono già a lavoro per “ricostruire San Pietro” (questo il motto che li ha accompagnati durante la campagna elettorale) i cinque assessori nominati dal nuovo sindaco del Comune di San Pietro Vernotico Maurizio Renna, eletto il 31 maggio scorso con la lista civica “Ricostruiamo San Pietro” sostenuta da Partito Democratico, Nuovo Centro Destra, Comitato Forza San Pietro, Centro Democratico e Gruppo consigliare misto di opposizione.

Maria Lucia Argentieri, è il nuovo assessore a Bilancio e Programmazione e vice sindaco, Angelo Esposito ha ricevuto le deleghe per Lavori Pubblici e Urbanistica, Francesco Civino è assessore ai Servizi Sociali, Giuseppe Di Taranto ha la delega alle Attività Poduttive e Polizia Municipale e Valentina Carella a Cultura, Personale e Protocollo.

Nemmeno questa amministrazione, a quanto pare, ha ritenuto opportuno assegnare l’assessorato all’Ambiente, una delega importante se si considera che San Pietro Vernotico è uno dei paese ad alto rischio ambientale insieme ai Comuni di Cellino San Marco, San Donaci, Torchiarolo e alla frazione di Tuturano per la vicinanza a grossi impianti industriali. Le deleghe non assegnate, si sa, restano al sindaco. 

Maria Lucia Argentieri, 40 anni, già assessore al Bilancio con l’amministrazione Rollo e consigliera di opposizione durante lamaria lucia argentieri precedente amministrazione (con sindaco Pasquale Rizzo), ha le idee chiare su che direzione muovere i primi passi: “Entro il 28 maggio doveva essere approvato il conto consuntivo del 2014 ma non è stato fatto e questo potrebbe creare grossi problemi, pertanto sto lavorando sin da subito in questa direzione. C’è poi la scadenza per la presentazione del bilancio di previsione, anch’essa molto vicina. Con tutta probabilità dovremmo stilare un bilancio tecnico, confermando aliquote e tasse dello scorso anno, non c’è il tempo materiale per fare altre valutazioni, cercherò, comunque, di trovare qualche agevolazione da introdurre. Poi c’è la questione relativa Fiscalità Locale che il 29 giugno è stata messa in liquidazione con un atto notarile e senza un passaggio in consiglio comunale. Stiamo cercando di capire se ci sono gli estremi per revocare la messa in liquidazione. Senza un ente così importante (che si occupa della riscossione dei tributi, ndr) viene tolto un servizio ai cittadini. Poi naturalmente si dovrà fare chiarezza sui motivi di questa decisione, non è ancora stato chiuso il bilancio del 2014, come si fa a dire che era in fallimento? Su delle stime?”.

fontane piazza modugno-2A lavoro anche il neo assessore ai Lavori Pubblici, Urbanistica, Cimitero e manutenzione verde pubblico, Angelo Esposito, 41 anni, anche lui già consigliere comunale, “bloccato” fino a qualche giorno fa a causa della mancanza del dirigente del Settore Lavori Pubblici la cui nomina è a discrezione del sindaco. Cambiato il primo cittadino cambia anche il dirigente: “In attesa che il nuovo tecnico prenda possesso del suo incarico sono a lavoro su alcuni progetti in scadenza, in particolar modo quello che riguarda il sottopasso di via libertà, sono passati 7 anni dall’avvio della procedura ma i documenti sono fermi da 5 anni, qualcosa si è mosso solo a maggio scorso, ho già avuto degli incontri in Regione. I lavori, comunque, dovranno essere consegnati entro fine anno. Sono certo che ce la faremo. Inoltre abbiamo partecipato a un finanziamento in scadenza che stava curando la precedente amministrazione e abbiamo ripreso un vecchio progetto, risalente all’amministrazione Rollo, che riguarda la realizzazione di rondò sulla circonvallazione che sostituiscano gli incroci semaforizzati. Per il resto c’è da interessarsi alla questione legata al rischio idrogeologico e anche per questo ho già fatto alcuni incontri in Regione. Come già si può vedere in paese abbiamo ripristinato la funzionalità delle fontane pubbliche ed eseguito opere di manutenzione alle aiuole degli incroci di Campo di Mare, in queste zone l’obiettivo è di rimuovere la terra e sostituirla con ghiaia in modo tale da evitare la crescita di erbaccia che comporta poi spese per l’estirpazione. L’obiettivo è di ridurre all’osso tutte quelle situazioni richiedono l’intervento degli stradini, visto che il personale a disposizione per questi lavori è poco”.

Francesco Civino, 51 anni, assessore ai Servizi Sociali, invece, ha mosso i primi passi verso le associazioni che si occupano di francesco civinoassistenza ai più sfortunati e famiglie bisognose: “Abbiamo portato a termine i progetti importanti già avviati dalla precedente amministrazione, partirà nuovamente il progetto “mare felice” che permette ai ragazzi diversamente abili dell’Unitalsi di trascorrere mattinate al mare in spensieratezza. Poi si dovrà cercare di prorogare fino al 31 dicembre il servizio di distribuzione pacchi da parte della Caritas alle famiglie bisognose e risolvere il problema del trasporto scolastico dei bambini e dei diversamente abili, con i tagli ai Comuni questi servizio rischia di non partire, bisogna cercare altre soluzioni per reperire i fondi. Abbiamo già erogato i contributi alle famiglie meno abbienti e riattivato le gare che erano state sospese”.

Giuseppe Di Taranto, 54 anni, assessore alle attività produttive e alla polizia municipale, invece, è già a lavoro per avviare un progetto di promozione del territorio e della marina di Campo di Mare: “specie dal punto di vista commerciale. Stiamo cercando di predisporre un piano che dia la possibilità di trasformare il lungomare e le vie limitrofe in un centro commerciale all’aperto che sia fruibile per tutta la stagione estiva. Per il resto sto incontrando commercianti e operatori economici per avviare un dialogo e lavorare insieme sugli obiettivi da raggiungere per risollevare le sorti economiche del territorio. Particolare attenzione sarà posta anche al decoro urbano e alla pulizia, dovrà esserci maggiore controllo e attenzione per la cosa pubblica”.

valentina carellaIncontri con associazioni culturali, invece, per il nuovo assessore alla Cultura Valentina Carella, 32 anni, la più giovane della squadra, alla sua prima esperienza politica: “Uno dei primi obiettivi è quello di incontrare le associazioni per lavorare in sinergia con esse, poi mi muoverò per fare in modo che la biblioteca diventi un punto di riferimento e un contenitore di  eventi socio-culturali, in questo contesto sarà avviato un discorso di rivalutazione della storia di San Pietro e dei personaggi illustri. Per quanto riguarda l’estate sampietrana sono al vaglio una serie di idee che toccano sia l’aspetto culturale che sportivo e commerciale. Stiamo stilando un programma ricco di appuntamenti per tutti i gusti. Invito, comunque, tutti coloro che hanno idee o proposte per promuovere la Cultura a San Pietro di mettersi in contatto con me o venendo a trovarmi al Comune o attraverso la mia pagina Facebook”.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Pietro, i nuovi assessori a lavoro per "ricostruire San Pietro"

BrindisiReport è in caricamento