Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca San Pietro Vernotico

S.Pietro e le sue campagne inquinate: le strade dello sport sempre più sporche

Le strade dello sport sampietrane, ma tutti i campi incolti in generale, sempre più in mano agli incivili e nessuno riesce a risolvere questa situazione

SAN PIETRO VERNOTICO – Le strade dello sport sampietrane, ma tutti i campi incolti in generale, sempre più in mano agli incivili e nessuno riesce a risolvere questa situazione. Né una telecamera è stata installata nei siti ormai noti per essere bersaglio degli inquinatori, né mai le forze dell’ordine hanno monitorato le aree, individuato e multato i responsabili. Se lo hanno fatto non lo hanno reso noto attraverso gli organi di informazione in modo informare i cittadini che i controlli ci sono e che chi viene scoperto riceve una multa. Nemmeno i continui servizi giornalistici sono mai serviti a muovere le pedine giuste affinché gli incivili comincino a rispettare l’Ambiente. Il risultato è che le campagne sono sempre più inquinate e chi è appassionato di sport all’aria aperta deve allenarsi tra sacchi di immondizia rifiuti di ogni genere lasciati ai bordi della strada.

Contrada Pana, nelle campagne tra San Pietro e Cellino San Marco, “la strada vecchia di Squinzano” e contrada Fauso sono le zone più rifiuti contrada pana1-2frequentate dagli sportivi, ma anche dagli incivili. Ieri, venerdì 18 marzo, una runner sampietrana ha postato su Facebook una foto che rappresenta fedelmente il comportamento del sampietrano medio: nonostante i rifiuti vengono tutti ritirati a domicilio, tutti i giorni tranne la domenica, in contrada Pana è stata abbandonato di tutto. Oggetti di plastica, elettrodomestici, cartoni, accessori, finanche un tubo di colla Bostik.

Non sarebbe stato più semplice suddividere il materiale riciclabile dal non riciclabile e farselo ritirare comodamente da casa piuttosto che mettersi in auto e sprecare benzina e tempo per inquinare le campagne?

A Torchiarolo, paese che dista pochissimi chilometri da San Pietro, la Polizia locale ha dichiarato guerra agli inquinatori delle campagne, sono continui i controlli anche attraverso l’uso delle telecamere e le multe. A Ceglie Messapica è stato predisposto un vero e proprio servizio di monitoraggio delle campagne e delle zone trasformate in discarica attraverso sistemi di videosorveglianza, ma anche con l’uso delle telecamere comunali, ce ne sono ben 44 sparse nel paese e spesso immortalano situaizni di abbandono indiscriminato di rifiuti. Solo qualche giorno fa la Polizia locale ha multato un cittadino di Brindisi scaricare materiale a Ceglie Messapica, lo ha individuato grazie alle telecamere e costretto anche a recuperare la merce abbandonata. Anche a Brindisi qualcosa si muove e la municipale scova gli inquinatori.

rifiuti strada vecchia di squinzano-2Le campagne sampietrane, invece, sono terra di nessuno. Accanto ai campi coltivati imperano cumuli di rifiuti, discariche a cielo aperto che spesso finiscono per essere nascoste dalla vegetazione. Nessuno bonifica nulla, nessuno evita l’abbandono. Qualche tempo fa su una strada di campagna che costeggia la provinciale per il mare, è stato realizzato un "punto di ristoro" per ciclisti. Un'area destinata alla sosta, ma immersa nella sporcizia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

S.Pietro e le sue campagne inquinate: le strade dello sport sempre più sporche

BrindisiReport è in caricamento