rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Salento, precari dell'informazione in lotta

LECCE - I segni del disagio occupazionale e delle condizioni retributive e di lavoro scuote il mondo dell'informazione televisa locale nel Salento. In piena attività, dunque sia l'Associazione della Stampa di Puglia - il sindacato dei giornalisti - che l'Ordine professionale, ma anche il Corecom e i sindacati di categoria del settore comunicazioni di Cgil, Cisl e Uil. La redazione e il direttore di BrindisiReport.it esprimono solidarietà totale ai colleghi e pubblicano il comunicato dell'assemblea svoltasi ieri a Lecce.

LECCE - I segni del disagio occupazionale e delle condizioni retributive e di lavoro scuote il mondo dell'informazione televisivaa locale nel Salento. In piena attività, dunque sia l'Associazione della Stampa di Puglia - il sindacato dei giornalisti - che l'Ordine professionale, ma anche il Corecom e i sindacati di categoria del settore comunicazioni di Cgil, Cisl e Uil. La redazione e il direttore di BrindisiReport.it esprimono solidarietà totale ai colleghi e pubblicano il comunicato dell'assemblea svoltasi ieri a Lecce.

"L'assemblea dei giornalisti, dei cameraman, dei fotografi e delle maestranze del settore dell'informazione e radiotelevisivo che si è autoconvocata a Lecce il 10 maggio 2012, dopo ampia discussione ha deciso di proclamare lo stato di agitazione, per protestare contro i licenziamenti, i mancati pagamenti degli stipendi e il dilagante precariato che affligge questa settore. Alla presenza dei presidenti dell'Assostampa di Puglia, dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, del Corecom Puglia, dei vertici di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, l'assemblea ha proclamato, infatti, lo stato di agitazione dell'intero settore dell'informazione, riservandosi ogni altra forma di lotta.

E' stato deciso di chiedere un incontro al Prefetto di Lecce, alla presenza delle istituzioni locali e regionali, dei parlamentari eletti sul territorio e degli editori al fine di avviare una vertenza complessiva che affronti la questione dei licenziamenti, che devono essere ritirati, del mancato pagamento degli stipendi e dei compensi per dipendenti e collaboratori e della più generale inosservanza delle norme contrattuali previste nei contratti nazionali di lavoro di categoria. La vertenza affronterà il tema delle crisi aziendali che non possono essere risolte in maniera unilaterale, ma solo con tavoli di concertazione per salvaguardare i posti di lavoro, anche con l'eventuale accesso agli ammortizzatori sociali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salento, precari dell'informazione in lotta

BrindisiReport è in caricamento