rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca San Donaci

Cani tenuti senza acqua e cibo e con lo smalto alle unghie, una denuncia

Li teneva rinchiusi su un terrazzo, al sole, senza acqua e cibo, circondati da escrementi, alimenti secchi e ammuffiti, e aveva anche messo lo smalto alle loro unghie, uno aveva la tigna, un altro una dermatite, tutti soffrivano la fame e la sete

SAN DONACI – Li teneva rinchiusi su un terrazzo, al sole, senza acqua e cibo, circondati da escrementi, alimenti secchi e ammuffiti, e aveva anche messo lo smalto alle loro unghie, uno aveva la tigna, un altro una dermatite, tutti soffrivano la fame e la sete. Sono queste le condizioni in cui un 59enne di San Donaci, E.G.M. teneva quattro cani meticci, tre maschi e una femmina, adulti. Fortunatamente i carabinieri lo hanno scoperto e denunciato per maltrattamento di animali. I cani sono stati presi in cura dal servizio veterinario dell'Asl, microchippati (sono stati intestati a un consigliere comunale perchè a San Donaci non c'è un ricovero per animali) e sottoposti a tutte le cure del caso.

La scoperta è stata fatta in seguito alla segnalazione di alcuni cittadini e di associazioni animaliste. L'uomo vive in un condominio alla periferia del paese con altre due persone. I cani li teneva rinchiusi sul terrazzo o in casa, a seconda delle situazioni. Presso la stazione dei carabinieri di San Donaci le segnalazioni giunte riguardo alle condizioni in cui venivano tenuti quegli animali sono state numerose. Qualcuno avrebbe anche riferito di aver visto “sparire” dei cani da un giorno all'altro.

I militari dopo aver raccolto tutte le testimonianze necessarie per far partire un'azione di controllo, unitamente al personale del servizio sanitario dell'Asl, hanno fatto irruzione nell'appartamento del 59enne accertando che tutte le segnalazioni ricevute erano fondate. Hanno trovato una situazione di degrado e sporcizia e animali sofferenti e affamati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cani tenuti senza acqua e cibo e con lo smalto alle unghie, una denuncia

BrindisiReport è in caricamento