rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca San Donaci

Da sette anni non pagavano la corrente, arrestata una 73enne e i suoi due figli

Sette anni fa l'Enel aveva disattivato il contatore elettrico per morosità. Ma la luce in quell'appartamento non è mai mancata e quando questa mattina i carabinieri hanno eseguito un controllo hanno trovato condizionatori accesi e numerosi elettrodomestici in funzione

SAN DONACI – Sette anni fa l'Enel aveva disattivato il contatore elettrico per morosità. Ma la luce in quell'appartamento non è mai mancata e quando questa mattina i carabinieri hanno eseguito un controllo hanno trovato condizionatori accesi e numerosi elettrodomestici in funzione. L'approvvigionamento avveniva con un collegamento diretto alla rete pubblica. Inevitabile l'arresto per i responsabili. Si tratta di una donna di 73 anni Rosa Barba e dei suoi due figli, Luigi 38 anni, Antonio Corbascio 41 anni. Quest'ultimo, già sorvegliato speciale con obbligo di dimora, è stato trasferito in carcere mentre i per i suoi due congiunti sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Tutti e tre, difesi dall'avvocato Raffaele Missere, devono rispondere dell'accusa di furto di energia CORBASCIO Antonio-2elettrica, Antonio, inoltre è stato denunciato per inosservanza degli obblighi imposti con la misura in espiazione mentre il fratello Luigi è stato segnalato all'autorità amministrativa come assuntore perchè trovato in possesso di un grammo di marijuana. 

La scoperta è stata fatta questa mattina dai carabinieri della locale stazione, diretti dal maresciallo Francesco Lazzari, nell'ambito di un controllo del territorio attivato in seguito all'attentato incendiario ai danni del vicesindaco, Mariangela Presta messo a segno nella tarda serata di ieri.

Sono state eseguite numerose perquisizioni. L'appartamento visitato dai militari dove c'era l'allaccio abusivo alla rete elettrica che poi si è concluso con l'arresto, si trova in un blocco di palazzine di proprietà dello Iacp. Al suo interno non c'era il contatore elettrico ma, come già detto, le luci erano accese così come i condizionatori. Secondo alcune stime fatte dalla società elettrica il valore del furto si aggira intorno ai 9mila euro ma solo perchè i periodi che possono essere presi di riferimento per fare i calcoli non possono andare oltre i tre anni.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da sette anni non pagavano la corrente, arrestata una 73enne e i suoi due figli

BrindisiReport è in caricamento