Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca San Pietro Vernotico

All'ospedale "Melli"arriva il mammografo per la diagnosi precoce

nell'ospedale Melli di San Piero Vernotico arriva un mammografo 3d nuovo di zecca, pronto per essere attivato. Nel reparto di Senologia appena ristrutturato. A renderlo noto la deputata sampietrana del Partito democratico, Elisa Mariano, che da tempo si batte per il potenziamento della diagnostica senologica

SAN PIETRO VERNOTICO – Mentre nel reparto di radiologia diagnostica dell’ospedale Perrino di Brindisi gli strumenti si rompono a cadenza quasi regolare e all’ospedale di Nardò (Le) c’è il rischio che il mammografo di ultima generazione assegnato dall’Asl venga trasferito al nosocomio di Lecce, tra polemiche e battaglie delle forze politiche locali, nell’ospedale Melli di San Piero Vernotico arriva un mammografo 3d nuovo di zecca, pronto per essere attivato. Nel reparto di Senologia appena ristrutturato.  A renderlo noto la deputata sampietrana del Partito democratico, Elisa Mariano, che da tempo si batte per il potenziamento della diagnostica senologica e per rendere più confortevole ed adeguata l’accoglienza per tutte quelle donne che, Elisa Marianosempre più consapevoli dell'importanza della prevenzione, usufruiscono di questo servizio.

“Finalmente, dopo il termine dei lavori nel reparto di Senologia dell'ospedale Melli di San Pietro Vernotico, il nuovo mammografo 3D è stato installato ed entrerà in funzione già da questa settimana. Investire nella prevenzione – sottolinea la parlamentare democratica – è fondamentale per sconfiggere il cancro al seno. È partendo da questa convinzione che, appena eletta, mi sono da subito impegnata sensibilizzando Regione ed Asl e concordando con loro questo intervento che oggi, con Michele Emiliano e soprattutto grazie all'impegno del direttore generale Giuseppe Pasqualone, si traduce in un risultato concreto.

Un risultato in linea con quanto il manager Asl, con tenacia, sta provando a fare intervenendo per “disincagliare” molti progetti e cantieri fermi dai tempi della maxi inchiesta sulla corruzione che ha riguardato la sanità brindisina. Il compito della politica deve essere quello di incoraggiare questo lavoro e di collaborare per restituire alla sanità pubblica, nel nostro territorio, un'immagine di efficienza e trasparenza nell'ottica del potenziamento dei servizi e del miglioramento della dotazione tecnologica”.

senologia ospedale melli 2-2“La cosa più bella – aggiunge l'onorevole Mariano – è vedere un pezzo del nostro ospedale, prima chiuso ed abbandonato proprio a causa delle inchieste giudiziarie, completamente recuperato e messo al servizio dei cittadini e della loro salute. Oggi quell'angolo che stava marcendo ospita una macchina all'avanguardia per la diagnosi del cancro al seno, capace di individuare le lesioni più nascoste ed insidiose, magari in fase iniziale e soprattutto capace di ridurre i falsi positivi e, quindi, ulteriori e fastidiosi accertamenti per le donne, ma anche ulteriori costi per il sistema sanitario. Tutto, quindi, nell'ottica di un servizio più efficiente e meno costoso”.

Ma questo, fa sapere l'onorevole Mariano, è solo il primo passo. “C'è già l'impegno a ristrutturare il resto del reparto, ingrandire la sala d'attesa e riattivare le sale operatorie per il day service chirurgico. Piccoli interventi che potrebbero confluire nell'attivazione di un vero e proprio percorso per la salute di genere. Se abbiamo ottenuto questo risultato possiamo andare oltre e sono certa che, se sapremo concertarlo in modo adeguato con chi ha il compito di programmare i servizi, realizzeremo anche questo. Oggi abbiamo posto una prima ma importante pietra e per chi ha a cuore il bene pubblico e la buona politica è una bella giornata, come sempre quando c'è una promessa in meno ed un fatto in più”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ospedale "Melli"arriva il mammografo per la diagnosi precoce

BrindisiReport è in caricamento