Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca San Pietro Vernotico

Elezioni S.Pietro, Rizzo, Renna e Toraldo a lavoro per il programma

La disoccupazione, il commercio da risollevare riportandolo a quello che era un tempo quando a San Pietro arrivano clienti dai Comuni limitrofi, la marina di Campo di Mare da rivalutare e renderla un punto di forza per l'economia locale attraverso la promozione del turismo. Sport e Cultura da portare in primo piano

SAN PIETRO VERNOTICO – La disoccupazione, il commercio da risollevare riportandolo a quello che era un tempo quando a San Pietro arrivano clienti dai Comuni limitrofi, la marina di Campo di Mare da rivalutare e renderla un punto di forza per l’economia locale attraverso la promozione del turismo. Sport e Cultura da portare in primo piano. Nonostante idee diverse su come amministrare il paese e come raggiungere gli obiettivi prefissati e quali sono quelli a cui dare priorità, in linea di massima i tre candidati sindaco di San Pietro Vernotico, Pasquale Rizzo (sindaco uscente), Maurizio Renna e Nicola Toraldo, hanno le idee chiare su quali sono i problemi “reali” del paese, quelli che i cittadini vogliono che siano risolti.

Il sindaco uscente Pasquale Rizzo, avvocato e insegnante, che si presenta con la lista civica “Insieme per Rizzo” sul piano della disoccupazione in qualche modo si è già mosso sia con le borse lavoro che hanno permesso di dare un’occupazione seppur temporanea a circa 200 persone che non avevano un lavoro sia con l’attuazione di progetti che vedono la realizzazione di strutture socio-sanitarie in grado di dare anche occupazione oltre che una risposta a molte situazioni difficili che si ritrovano a vivere numerose famiglie dove si vivono situazioni di disabilità fisica e mentale, la sede dell’ex Omni in via Torchiarolo diventerà una struttura residenziale socio assistenziale H24 per situazione di handicap grave, l’ex orfanotrofio Cataldo Fiore di via Stazione sarà un centro diurno per malati di Alzahimer e per disabili gravi, in contrada Canimazzi pasquale rizzo-2sorgerà un centro interculturale e casa accoglienza per stranieri e infine in viale Degli Studi è stato realizzato un centro aperto per minori: “Sono tutte strutture che hanno dato e daranno posti di lavoro, stesso discorso per la zona Pip dove stanno per essere ultimati i lavori tra cui la fornitura di energia elettrica, ci sono già richieste di acquisto per alcuni lotti. Tutto questo e molto altro è uno dei percorsi che abbiamo avviato per dare occupazione. Un altro obiettivo che manca all’appello e che spero di raggiungere se continuerò ad amministrare il paese è la costruzione di una casa di riposo, su cui c’è già un progetto”. Rizzo, dovesse continuare a guidare San Pietro lavorerà per completare il percorso già avviato che passa anche dalla realizzazione di progetti ottenuti tramite finanziamenti europei. Si metterà subito a lavoro, quindi, per continuare a portare avanti gli obiettivi prefissati la cui realizzazione è partita già nel 2010 e cioè quelli di sviluppare il paese sotto ogni punto di vista, lavorare per i cittadini.

“Per quanto riguarda la marina di Campo di Mare abbiamo messo in conto degli investimenti già a dicembre scorso che riguardano l’arredo urbano e il verde pubblico. Per quanto riguarda il commercio, purtroppo si può fare ben poco: la nascita di nuove attività commerciali è ostacolata dal Piano regolatore che non prevede l’apertura di negozi. Si dovrebbero apportare modifiche al regolamento edilizio ma dall’altro lato serve anche l’impegno e la volontà degli operatori economici. Certo la soluzione sarebbe l’installazione di casette sul lungomare ma queste non possono avvenire a spese del Comune. I soldi, purtroppo, non ci sono. Per quanto riguarda l’intrattenimento le serate dipendono da quanto denaro c’è a disposizione, se i soldi sono pochi si deve concentrare tutto nel periodo dove c’è più turismo e più affluenza .In ogni caso non è facile gestire questo aspetto. L’anno scorso ho apportato modifiche agli orari di feste e spettacoli fatti all’aperto, prolungando l’orario di chiusura, ma questa scelta non è stata condivisa da quella fetta di popolazione che, invece, arrivati a un certo orario della notte voleva riposare in tranquillità. E sono nate le polemiche. Bisogna tenere conto di tutte le esigenze dei villeggianti”.

L'ex sporting club JasminIncontrando i cittadini nelle assemblee private Rizzo ha rilevato molta amarezza per lo stato di disoccupazione che si vive nel paese e per il disagio economico in cui vivono molte famiglie “Abbiamo lavorato per aiutare le famiglie più bisognose, qualcuno si è lamentato delle buche nelle strade ma ho spiegato che anche in questo caso sono state fatte delle scelte: ho preferito concentrarmi sulle borse lavoro, dare un’occupazione temporanea a circa 200 persone”.

Per quanto riguarda lo Sport e la Cultura il sindaco uscente ha in cantiere diversi progetti: “A breve partirà il bando per affidare lo Sporting club a privati, altro su quella struttura non si può fare, verranno realizzati  campi da tennis (che si trovavano nello Sporting club ndr) in un’altra zona del paese e il palazzetto sarà potenziato. Poi continuerò a lavorare sui bandi e fondi specifici che permettono ai giovani di sostenere materialmente lo sport. Per la Cultura un obiettivo è quello di incentivare la biblioteca e il fondo Melli, poi è al bando il progetto “info point” per poter avviare un percorso turistico che troverà sede in piazza del Popolo”. Per quanto riguarda i candidati nelle liste dei consiglieri comunali, la scelta ricadrà su gente “funzionale”: “continuerò, come ho fatto fino a questo momento, a scegliere persone che hanno le competenze che servono per raggiungere gli obiettivi prefissati e cioè di lavorare per il paese”.

Maurizio Renna, responsabile finanziario della Confesercenti, che si presenta con la lista civica “ricostruiamo San Pietro” dovesse vincere le elezioni, concentrerà le prime forze sullo sviluppo dell’economia, del comparto artigianale, di attività a favore dei giovani, delle attività maurizio renna-4commerciali, delle associazioni. “Sperimentando” le nuove idee sulla marina di Campo di Mare, visto che l’insediamento avverrà a ridosso della stagione calda: “Si lavorerà sin da subito per sviluppare la marina dal punto di vista commerciale e turistico, la stagione degli intrattenimenti per i villeggianti inizia a luglio e finisce a metà settembre. Poi si passerà alla zona artigianale per sbloccarla e fare in modo che diventi produttiva. C’è l’idea di creare uno sportello “InformaGiovani” attivo e produttivo che metta a disposizione dei giovani tutte le possibilità per entrare nel mondo del lavoro anche mettendosi in proprio, saranno affiancati dal Comune per tutte le iniziative che vorranno mettere in atto".

"L’Ufficio tecnico dovrà essere all’altezza della situazione in grado di dare risposte in tempi rapidi a tutte le richieste che vengono sia da privati che da professionisti e imprese per riattivare il sistema artigianale. Il sistema dell’edilizia è bloccato, si dovranno creare le condizioni per dare le risposte a quei tecnici che vogliono presentare progetto di recupero di stabilimenti e fabbriche in disuso. Si punterà sulla rivalutazione delle aziende agroalimentari che un tempo rappresentavano il fiore all’occhiello dell’economia e soprattutto davano posti di lavoro. I cittadini avranno a disposizione professionalità che sappiano fornire tutte le informazioni sui progetti europei. Il lavoro passa anche attraverso la rinascita del paese, il percorso verso uno sviluppo economico si deve decidere insieme a commercianti, artigiani e agricoltori”. Anche Renna negli incontri privati con assemblee di cittadini ha registrato sconforto per quanto riguarda la disoccupazione ma anche lamentele sull’attuale situazione che c’è nel paese: “la segnalazione che più mi ha colpito è quella che riguarda la mancanza di comunicazione con chi governa, in molti hanno lamentato il fatto di non avere avuto la possibilità di parlare con il sindaco e gli amministratori. Il paese è allo sbando e si vede: le strade sono in stato di abbandono, l’erba cresce alta in ogni angolo. Anche queste situazioni sono state portate alla mia attenzione”.

piazzale panoramico campo di mare-2Sport e Cultura non passeranno in secondo piano. “Bisogna innanzitutto stare accanto a tutte alle associazioni sportive e culturali, ragionare insieme su quale è la direzione da prendere, incentivare le infrastrutture, trovare il modo per far rinascere lo Sporting club e sostenere le associazioni anche economicamente. Sostenere le eccellenze del paese, abbiamo tanti atleti che ottengono risultati importanti in diverse discipline che devono essere sostenuti. Per quanto riguarda la Cultura ho un progetto su cui mi attiverò non appena ci sarà la possibilità: fondare “il museo di Domenico Modugno” e fare in modo che nei percorsi turistici dei croceristi che arrivano a Brindisi venga inserita una tappa anche a San Pietro per visitare i posti dove ha vissuto questo grande artista di fama internazionale. Naturalmente per l’occasione saranno allestiti mercatini artigianali e stand gastronomici e musicali in modo da sfruttare in pieno la visita degli stranieri”. Le lista dei candidati consiglieri comunali che affiancheranno Renna sarà presentata sabato prossimo “Ci saranno giovani e donne capaci di lavorare per il paese”.

Nicola Toraldo, ex dipendente delle ferrovie. pensionato, candidato sindaco per il movimento 5 Stelle. “Non ho la bacchetta magica per risolvere le situazioni che ci sono a San Pietro ma so quello che vorrei fare dovessi ricoprire la carica di sindaco. Di certo un Comune non può risolvere il problema della disoccupazione da un giorno all’altro e nessuno può promettere posti di lavoro, si può lavorare però per sistemare le cose, per abbassare le tasse specie quella sui rifiuti, aiutare le persone più deboli, gli anziani che con 500 euro al mese non riescono ad andare avanti. Si può lavorare per ridare ai commercianti i clienti che avevano un tempo quando i negozi di San Pietro erano punto di riferimento per i paesi nicola toraldo-2limitrofi. Si può lavorare per far tornare Campo di Mare il fiore all’occhiello del paese e incentivare il commercio. In giro sto incontrando gente sfiduciata nei confronti della politica, stanca di vedere sempre i soliti volti senza risultati. Persone anziane disperate perché i nipoti e i figli non lavorano. Si devono risolvere i problemi di tutti i cittadini. Ascoltare tutti”. Per quanto riguarda lo Sport e la Cultura per Toraldo anche promuovere le attività sportive deve rappresentare una priorità per chi si appresta a governare San Pietro “Sono stato per 30 anni il presidente del circolo tennis di San Pietro Vernotico ho vissuto sulla mia pelle i sacrifici fatti per portare avanti l’impianto che aveva sede nell’ex Sporting club e la sua decadenza dovuta a mancanza di interesse da parte di tutte le amministrazioni che si sono susseguite nel tempo. L’associazione ha sempre cercato di sopperire alla mancanza di aiuti da parte del Comune ma poi a un certo punto quando i campi da 3 sono diventati uno e le razzie nella struttura sono diventate all’ordine del giorno non si è più potuto intervenire. Lo Sport è garanzia di salute, aiuta a crescere rispettando il prossimo, deve essere incentivato. Mi piacerebbe creare un tavolo permanente di tutte le associazioni sportive e culturali che raccontano le radici del nostro paese. Sport e Cultura non possono essere problemi di serie B ma devono essere trattati al pari degli altri”.

Venerdì 10 aprile è stata presentata la lista di candidati consiglieri ci sono 7 donne e 6 uomini: Marianna Errico, Cristina Morello impiegata, Anna Renna insegnante, Mariella Perrone casalinga, Delia Embriani studentessa, Nadia Civino casalinga, Ilenia Pesimena, Alessandro Degli Atti agente di polizia penitenziaria, Giovanni Antonucci impiegato, Giovanni Pesimena ex carabiniere, Nicola Toraldo. Luigi Epifani, Mirko Laudisa. “Si tratta di gente semplice, abbiamo lo studente, la casalinga ma anche i pensionati, tutta gente vicina alla gente” 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni S.Pietro, Rizzo, Renna e Toraldo a lavoro per il programma

BrindisiReport è in caricamento