menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esperienza indimenticabile sulla nave scuola Palinuro per 4 giovani "marinai"

Quattro giovani "marinai" del Gruppo Anmi di San Pietro Vernotico protagonisti di un imbarco temporaneo di due settimane sulla prestigiosa nave scuola della Marina Militare, il Palinuro

SAN PIETRO VERNOTICO - Quattro giovani “marinai” del Gruppo Anmi di San Pietro Vernotico (Associazione nazionale marinai d'Italia) protagonisti di un imbarco temporaneo di due settimane sulla prestigiosa nave scuola della Marina Militare, il Palinuro. Tra essi anche due giovani donne, si tratta di Elisa Giglio e Andrea Falangone, entrambe 17enni. La prima si è imbarcata a Taranto il 20 settembre scorso insieme a Luigi Renna, 18 anni, dopo una sosta a Porto Empedocle (Agrigento) nei giorni scorsi i due sono sbarcati a Messina. La seconda, invece, ha condiviso quest'esperienza con Mattia Moriero 18 anni, i due sono saliti a bordo nei primi giorni di luglio. Per loro imbarco a Cagliari, sosta a Siracusa e sbarco a Crotone. 

Il Palinuro alla banchina Dogana-2

 Un’esperienza entusiasmante, l’hanno definita i quattro “marinai” sampietrani che aggiungono di essersi sentiti parte integrante a tutti gli effetti dell’equipaggio. E delle ore di guardia al timone della nave, di vedetta in coperta, delle assemblee al centro nave, del posto di lavaggio, degli ottoni da lucidare. E di come abbiano scoperto che si può vivere per giorni senza il telefonino.

 “L’emozione della brezza del mare mentre all’orizzonte si staglia la costa, che sembra li apposta ad aspettare il tuo arrivo. E poi il tramonto con la preghiera del marinaio da recitare. Le stelle di notte che ti accompagnano nelle lunghe ore di vedetta ed il mare mosso, che ti fa sentire male, ma che dopo ti sembra di avere superato “una grande prova”.

  “Quando sbarchi da una nave come quella non sei più un ragazzino”, spiegano i ragazzi dell’Anmi di San Pietro Vernotico, che raccontano di avere così scoperto cosa significa la dura, ma entusiasmante, vita di bordo. Una scelta che ti cambia totalmente. Una vita che comporta sacrificio, duro lavoro e lontananza dai cari, ma che ti regala anche grandi soddisfazioni professionali e certezze nel futuro.

  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento