menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Pietro, rubata statua di bronzo dal cimitero da tomba di marinaio

Raffigura una Madonna con le ali e un bambino in braccio del valore di circa 8mila euro

SAN PIETRO VERNOTICO – Brutta sorpresa per due donne di San Pietro Vernotico mamma e figlia nella mattinata di oggi, venerdì 1 maggio: quando si sono recate al cimitero hanno scoperto che era stata rubata una grande statua di bronzo, alta più di un metro e mezzo, dalla lapide del loro congiunto, rispettivamente figlio e fratello delle donne. Il cimitero di San Pietro Vernotico ha riaperto oggi dopo la chiusura dal 15 marzo scorso legata all’emergenza sanitaria.

furto cimitero san pietro1-2

La lapide depredata si trova nella zona dedicata ai caduti in guerra trattandosi il defunto di un giovane marinaio, Alessandro Serio scomparso nel 1998 all’età di 19 anni. Le vittime di questo furto hanno richiesto l’intervento dei carabinieri che hanno eseguito il sopralluogo e accolto la relativa denuncia. La statua era ancorata alla lapide che è stata lesionata. Come già accennato si tratta di una statua di bronzo raffigurante una Madonna con le ali e un bambino in braccio del valore di circa 8mila euro.

la statua rubata-2

Le vittime hanno segnalato il furto subito anche al sindaco di San Pietro Vernotico, Pasquale Rizzo, che nella mattinata di oggi, primo giorno di apertura dopo un mese e mezzo di chiusura ha eseguito un sopralluogo insieme al comandante della Polizia locale Piero Goduto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

E' Anna Lucia Matarrelli la nuova comandante della polizia locale

Attualità

San Sebastiano, riconoscimento all'ex comandante Pietro Goduto

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, ancora alto il numero dei decessi in Puglia: sono 31

  • Emergenza Covid-19

    Scuola, nuova ordinanza di Emiliano: tutte le misure previste

  • Politica

    "Nubi sul bilancio, il Consorzio Asi va commissariato"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento