Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca San Pietro Vernotico

Gattini abbandonati nel cassonetto: deceduti anche gli altri tre

Erano stati rinchiusi in una busta di plastica insieme ad altri due micetti trovati già morti, subito dopo essere nati

SAN PIETRO VERNOTICO – Deceduti anche gli altri tre gattini trovati nella mattinata di ieri, martedì 30 aprile, in un cassonetto porta rifiuti in via Brindisi a San Pietro Vernotico. Erano stati rinchiusi in una busta di plastica insieme ad altri due micetti trovati già morti, subito dopo essere nati. Avevano ancora il cordone ombelicale attaccato, il veterinario Pietro De Rocco li ha presi in carico subito dopo il ritrovamento e con l’aiuto di una mamma gatta ha cercato di salvarli. Ma le loro condizioni erano già molto gravi. Tutti e tre hanno smesso di respirare nella mattinata di oggi. E’ stato lo stesso veterinario a darne notizia sul suo profilo Facebook.

Il post è stato inondato di commenti di rabbia e dispiacere per tanta crudeltà nei confronti di cinque esserini indifesi. Rabbia per l’ennesimo gesto disumano nei confronti degli animali. E’ ancora vivo nei sampietrani il ricordo del cane Jako morto dopo essere stato dato alle fiamme mentre si trovava sul balcone di casa dei suoi proprietari. Un’uccisione rimasta ancora impuntita.

Il ritrovamento 

A trovarli nel cassonetto alcuni ragazzi che passeggiavano in via Brindisi, una delle strade più frequentate del paese. Sono stati attirati dai miagolii provenienti dal cestino porta rifiuti. Come già detto due dei gatti erano già deceduti, per gli altri tre il veterinario ha fatto il possibile ma il loro destino, purtroppo era già segnato. Le speranze che sopravvivessero erano poche.

Gli agenti della Polizia locale interpellati poco dopo il ritrovamento hanno subito richiesto la visualizzazione dei fotogrammi delle telecamere di alcune attività commerciali (il cestino è ubicato vicino la porta di ingresso di una tabaccheria), nella speranza che l’autore di questo ignobile gesto sia stato immortalato.

Qualcuno su Facebook chiede l’installazione di telecamere pubbliche, progetto su cui l’amministrazione sta lavorando da mesi, ma è chiaro che non si può mettere sotto controllo ogni singolo angolo del paese, certamente le telecamere possono fornire un grosso aiuto nella risoluzione diverse situazioni ma certamente bastano per evitare gesti vergognosi come questo.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gattini abbandonati nel cassonetto: deceduti anche gli altri tre

BrindisiReport è in caricamento