menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parte il Servizio civile che crea opportunità di lavoro con i bandi comunitari

Oggi, martedì 10 gennaio, nell'aula consiliare del Comune di San Pietro Vernotico si è svolta la cerimonia di presentazione del progetto di Educazione e promozione culturale "Play-informazione e orientamento"

SAN PIETRO VERNOTICO – Sono Iacopo Tonello 30 anni a ottobre prossimo di Squinzano, Marica Candita 29 anni a giugno di Francavilla Fontana, Alessia Greco 26 anni a novembre e Sara Morroi  24 anni entrambe di San Pietro Vernotico, tutti laureati, i nuovi “volontari” del Servizio civile nazionale che assisteranno i giovani di San Pietro Vernotico nell’elaborazione di progetti per i bandi pubblici finalizzati alla creazione di opportunità di lavoro.

Oggi, martedì 10 gennaio, nell’aula consiliare del Comune di San Pietro Vernotico si è svolta la cerimonia di presentazione del progetto di Educazione e promozione culturale “Play-informazione e orientamento”, fortemente voluto dal consigliere di maggioranza Davide Marangio e realizzato con il supporto della consigliera (sempre di maggioranza) Maria Lucia Argentieri, ex assessore al Bilancio e alla Pubblica istruzione oltre che ex vice sindaco. Deleghe revocate nei giorni scorsi. La parte tecnico-amministrativa è stata curata, gratuitamente, dall’associazione di promozione culturale Sei. 

conferenza stampa servizio civile san pietro-2

Si tratta del primo progetto realizzato dall’attuale amministrazione insediatasi a giugno del 2015. Va detto che la partecipazione al bando per il Servizio civile curata da Marangio e Argentieri risale a ottobre del 2015 e che anche per il 2016 c’è stata la possibilità di “sfruttare” questa opportunità ma nessuno, tra gli altri amministratori, ha aderito partecipando al bando.  

Intanto sono stati creati quattro posti di lavoro che potrebbero porre le basi per altri sbocchi lavorativi, “In linea con il programma elettorale attraverso il quale siamo entrati in casa dei sampietrani - ha precisato Marangio - un programma che metteva il lavoro al centro dell’attività amministrativa. È un sogno lungo 20 anni, si parla di InformaGiovani dal lontano 1996, che finalmente è stato realizzato”.

I giovani disoccupati di San Pietro Vernotico, ma anche chi vuole cimentarsi in nuove attività, dalle prossime settimane avranno la possibilità di partecipare a bandi di ogni genere finanziati dalla Comunità Europea ma anche da altri Enti “Solo questa è la strada giusta per risolvere il problema della disoccupazione, i Comuni possono reggersi solo se riescono a sfruttare tutti i finanziamenti comunitari e cogliere queste opportunità. Partendo proprio dal Servizio civile, ritengo che non sfruttarlo è un delitto”.

comune municipio san pietro vernotico-2

Quattro giovani che lavoreranno per i giovani e con i giovani, questa la ricetta vincente proposta da Marangio e Argentieri. “Va anche ricordato che chi lavora per il Servizio civile viene pagato direttamente dal Ministero, di conseguenza questi posti di lavoro creati non gravano sulla casse comunali. Certo non è facile aggiudicarsi il bando, noi ci siamo riusciti grazie anche alla collaborazione dell’associazione Sei che si è occupata anche della selezione dei canditati. Ho voluto una commissione esterna proprio nel rispetto del principio di trasparenza”.

Tutto è pronto per partire. I quattro giovani saranno sottoposti a formazione professionale in modo da essere pronti a rispondere ed elaborare tutte le esigenze di chi vorrà usufruire dei bandi pubblici. La sede dell’Informa Giovani è presso un ufficio dei Servizi sociali del Comune e sarà aperta al pubblico a partire dalle prossime settimane. Il calendario è ancora da stabilirsi, lo sportello sarà attivo dal lunedì a venerdì.

A fine presentazione i due consiglieri, che negli ultimi tempi hanno preso le distanze da alcune scelte amministrative della maggioranza, hanno annunciato la volontà di continuare a operare con impegno sul territorio per il bene della comunità, nel rispetto delle regole e soprattutto dei cittadini che rappresentano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento