San Vito dei Normanni. Armi detenute abusivamente: nei guai padre e figlio

Arrestato un 27enne sorpreso con una Beretta calibro 7.65 e un fucile. Il padre, proprietario delle armi, denunciato a piede libero

SAN VITO DEI NORMANNI - Aveva in casa illegamente delle armi intestate al padre, per questo i carabinieri della stazione di San Vito dei Normanni, hanno tratto in arresto in flagranza di reato e poi rimesso in libertà, un 27enne del luogo. In particolare, a seguito di un controllo presso il domicilio del giovane, i militari hanno accertato la detenzione abusiva di una pistola Beretta calibro 7.65 e di un fucile con calciolo rotto, ad avancarica, privo di marca e matricola, perfettamente funzionanti. La pistola è risultata intestata al padre 58enne, il quale è stato denunciato in stato di libertà. Le armi sono state poste sotto sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento