menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cosimo Salvatore Maiorano

Cosimo Salvatore Maiorano

San Vito, in auto con la cocaina

SAN VITO DEI NORMANNI - Se ne andava in giro, per le vie del suo paese, con quattro grammi di cocaina suddivisa in quattro dosi e due grammi e mezzo di sostanza da taglio tipo mannite nascoste nel bracciolo anteriore porta oggetti della sua Alfa 147. Un operaio di 25 anni di San Vito, Cosimo Salvatore Maiorano, nella serata di ieri è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di San Vito Dei Normanni, al comando del capitano Ferruccio Narducci, su disposizione del pm di turno Raffaele Casto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

SAN VITO DEI NORMANNI - Se ne andava in giro, per le vie del suo paese, con quattro grammi di cocaina suddivisa in quattro dosi e due grammi e mezzo di sostanza da taglio tipo mannite nascoste nel bracciolo anteriore porta oggetti della sua Alfa 147. Un operaio di 25 anni di San Vito, Cosimo Salvatore Maiorano, nella serata di ieri è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di San Vito Dei Normanni, al comando del capitano Ferruccio Narducci, su disposizione del pm di turno Raffaele Casto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

A casa del giovane, in via Mesagne, i militari hanno trovato altri 3 grammi e mezzo di mannite nascosta nel sottoscala della sua abitazione e materiale per il confezionamento della droga. Addosso, invece, gli hanno trovato 130 euro in contanti che sono stati sequestrati perché ritenuti provento dell'attività di spaccio. Il 25enne è stato fermato ieri sera durante un normale servizio di controllo del territorio.

Dalla centrale operativa, quando i militari hanno comunicato le generalità dell'automobilista, hanno annunciato che quel ragazzo aveva precedenti per spaccio. È così che la vettura del 25enne è stata sottoposta a perquisizione, la droga è stata trovata poco dopo nascosta nel bracciolo della sua vettura. Addosso l'automobilista aveva 130 euro. A quel punto i militari si sono portati nella sua abitazione dove Maiorano vive insieme ai genitori in attesa di andare a convivere con la sua fidanzata sulla via per Ostuni.

A casa c'erano tre grammi e mezzi di mannite, una sostanza naturale dagli effetti lassativi che viene usata per tagliare anche la cocaina, per aumentarne la quantità, e materiale per il confezionamento: bilancino di precisione, bustine di cellophane e nastro adesivo. Inevitabile l'arresto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento