Cronaca

"Sanità vicina al collasso": i medici dell'Asl Brindisi in stato d'agitazione

Le organizzazioni sindacali dei medici dell'Asl Brindisi proclamano lo stato di agitazione. Lo fanno attraverso una lettera aperta in cui criticano duramente la proposta formulata dall'azienda sanitaria riguardo al piano delle emergenze-urgenze, ritenendola "irricevibile". Il quadro che emerge dalla nota sindacale è quello di una sanità prossima al collasso

BRINDISI – Le organizzazioni sindacali dei medici dell’Asl Brindisi proclamano lo stato di agitazione. Lo fanno attraverso una lettera aperta in cui criticano duramente la proposta formulata dall’azienda sanitaria riguardo al piano delle emergenze-urgenze, ritenendola “irricevibile”. Il quadro che emerge dalla nota sindacale è quello di una sanità prossima al collasso, fra decurtazione dei posti letto, sovraccarico di lavoro per i medici e disorganizzazione.

Si tratta di problematiche che riguardano non solo l’ospedale Perrino, ma anche i presidi ospedalieri della provincia. L’iniziativa odierna (promossa dalle segreterie aziendali delle organizzazioni sindacali Aaroi, Anaao-Assomed, Anpo-Ascoti-Fials Medici, Cgil Medici, Cimo) era stata preceduta da una riunione svoltasi lo scorso 29 giugno. I sindacati lamentano di non aver ricevuto risposte “certe e convinenti” in quella circostanza, come richiesto attraverso una nota del 19 giugno. Ciò nonostante era stata concessa all’Asl un’apertura di credito, che oggi, a quanto pare, si è esaurita.

Si riporta di seguito la lettera in questione, inviata al direttore generale dell’Asl Brindisi, Giuseppe Pasqualone, al presidente dell’Ordine dei Medici, Emanuele Vinci, e agli organi di stampa. 

La proposta formulata da codesta ASL circa il piano delle emergenze-urgenze è irricevibile per i seguenti motivi:

1)    Avrebbe dovuto individuare, per ogni U.O.C. della ASL,  quali dovessero essere organizzate con  un’ assistenza medica H12 o H24, in rapporto all’ esigenza di soddisfare le necessità assistenziali ospedaliere e territoriali.
2)    Tale proposta, invece, elenca una serie di tagli di posti letto mediante l’accorpamento di reparti, soprattutto negli ospedali periferici, che accentueranno l’attuale grave e insostenibile carenza di posti letto. 
3)    Che ne sarà del “Perrino”, già congestionato da un iperafflusso di utenti che cercano risposte sanitarie? Le extralocazioni hanno raggiunto numeri impressionanti,  che non si sono modificati nonostante l’apertura dei 6 posti di “osservazione breve”. Il Pronto Soccorso è sempre affollato, con tempi di risposta dell’iter diagnostico insostenibilmente lunghi. Potrà il "Perrino"garantire gli auspicati livelli di eccellenza? La tendenza  a ridurre i posti letto viceversa comporta l’impossibilità di fornire un’adeguata risposta assistenziale, con conseguente definitivo collasso della sanità brindisina.
4)    I tagli dei posti letto, effettuati  per carenza di Medici e/o per carenza di Operatori di comparto, creano altresì significative differenze organizzative anche in UU.OO.CC. omogenee per tipologia di servizio, senza comportare un'effettiva riduzione dei carichi di lavoro ad alcuno, costringendo ad operare in un clima organizzativo critico, con aumento dello stress lavoro correlato ed aumento del rischio clinico. 
5)    Il piano delle emergenze-urgenze contiene alcune proposte illegittime, pericolosissime per i pazienti e per gli operatori sanitari, nonché non previste dal contratto di lavoro. Valga per tutte, come esempio, la proposta fatta per il presidio ospedaliero di Ostuni per i trasporti secondari, che dovrebbero essere effettuati dal medico della medicina o dal cardiologo, lasciando “scoperto” il reparto di Medicina e ricorrendo, in caso di necessità, all’intervento del medico del Pronto soccorso, che per legge non può allontanarsi dal suo posto di lavoro!
6)    Il problema del trasporto secondario al P.O. "Perrrino" nelle ore pomeridiane, rimasto a tutt'oggi  irrisolto, che espone i pazienti a possibili gravi rischi di mancata assistenza ed i sanitari  a ripercussioni medico-legali.
7)    Lo scorretto esercizio delle relazioni sindacali,  manifestatosi clamorosamente con l’adozione di provvedimenti non sottoposti al parere  delle organizzazioni sindacali stesse ed adottati invece   unilateralmente,  prima di poter essere discussi in maniera collegiale. Esemplare l’accorpamento già avvenuto a San Pietro Vernotico tra la Medicina e la Geriatria, con relativa riduzione dei posti letto, nonchè la riduzione dei posti letto in Pneumologia con l’integrazione provvisoria dell’organico medico con un’ unità individuata mediante mobilità di urgenza dal servizio Pneumologico territoriale,  che certamente subirà un gravissimo ridimensionamento dell’attività con pesanti ricadute assistenziali.  Disservizi che già hanno prodotto effetti negativi, come quanto accaduto ieri mattina presso l'ospedale di Mesagne, ampiamente riportato dagli organi di stampa il 3 luglio u.s., in conseguenza del suddetto trasferimento. Le  organizzazioni sindacali avrebbero invece, se mai ne avessero avuto il tempo, proposto lo smistamento delle  visite ambulatoriali ospedaliere nelle strutture territoriali, senza nessuna ricaduta negativa sull’assistenza.


Si stigmatizzano, inoltre, alcune fra le tante inadempienze di codesta ASL:

L’inaccettabile ritardo nell’espletamento delle procedure concorsuali, anche quando vi siano deroghe alla assunzione,  ed il reclutamento di dirigenti medici ricorrendo a strumenti per lo meno inusuali, se non addirittura illegittimi.

L’  inosservanza aziendale  di obblighi contrattuali, come l’attribuzione degli incarichi dirigenziali e il riconoscimento delle corrispettive indennità, a fronte di perentorie richieste di adempimenti burocratici molto spesso incomprensibili se non addirittura inutili,  la cui osservanza peraltro mal si concilia  con le limitate risorse umane disponibili.

La destinazione delle risorse aggiuntive non concordata preventivamente con le OO.SS.

Le OO.SS. richiamano quindi  la S.V.  ad una politica sanitaria e ad una progettualità organizzativa che voglia rimettere al centro i bisogni delle persone, la qualità e l’umanizzazione delle risposte sanitarie, ma anche il diritto dei lavoratori ad operare in sicurezza e chiarezza organizzativa; richiamano ad un  adeguamento delle dotazioni organiche delle UU.OO. di degenza e dei Servizi, almeno per consentire i livelli essenziali di assistenza in relazione al volume ed alla complessità dei casi trattati, anche nel periodo estivo. Stanche  di operare in un' emergenza continua,  invitano il Management a voler passare da una politica del dire ad una politica del fare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sanità vicina al collasso": i medici dell'Asl Brindisi in stato d'agitazione

BrindisiReport è in caricamento