Cronaca

Lo scarico dell'acqua sulla rampa per disabili: altra perla di Piazza Mercato

Gli scarichi delle acque reflue del nuovo mercato coperto nel centro storico, sbucano sulla rampa per disabili, rendendo il suo utilizzo altamente pericoloso. La nuova struttura coperta di Piazza Mercato è, sin dal progetto iniziale, al centro di critiche e proteste: dai commercianti, che si oppongono al trasferimento che, a breve, li vedrà occupare i box interni, agli immancabili atti vandalici, come il danneggiamento dei lavabi ed il conseguente furto dei sifoni di scarico in plastica

BRINDISI - Gli scarichi delle acque reflue del nuovo mercato coperto nel centro storico, sbucano sulla rampa per disabili, rendendo il suo utilizzo altamente pericoloso. La nuova struttura coperta di Piazza Mercato è, sin dal progetto iniziale, al centro di critiche e proteste: dai commercianti, che si oppongono al trasferimento che, a breve, li vedrà occupare i box interni, agli immancabili atti vandalici, come il danneggiamento dei lavabi ed il conseguente furto dei sifoni di scarico in plastica.

scarichi mercato coperto 2-2La struttura, che prima della sua ristrutturazione ospitava i commercianti di pesce della città, deve ancora entrare a regime (ad oggi sono attive solo le postazioni dei sopracitati commercianti ittici, ndr), ma le premesse non lasciano sperare in meglio. Ora, a raccogliere i malumori dei commercianti costretti a fare i conti con il cattivo odore della acque stantie e le preoccupazioni di chi si dovrà servire di quella rampa rischiando di scivolare, ci pensa questa “soluzione architettonica”.

Tralasciando il fattore estetico (anche se di piccole dimensione e collocati agli angoli di una delle facciate della struttura, i tubi in plastica arancione non passano certamente inosservati), sul quale fortunatamente si può ancora intervenire, la soluzione scelta per lo scarico delle acque reflue si scontra con le più basilari norme sulla sicurezza e l’igiene.

scarichi mercato coperto 1-2Posizionare queste canaline in prossimità della rampa in un caso, e a ridosso del marciapiede nell’altro, ha come risultato finale quello di rendere pericoloso proprio quell’elemento, la rampa, ideato per il superamento di barriere e pericoli, appunto, architettonici: le acque, invece di essere incanalate verso la pubblica fognatura, si disperdono sul suolo pubblico, stagnando e rendendo il suolo molto scivoloso. Perdere l’equilibrio e rimediare una rovinosa caduta sarà, se si concede il gioco di parole, una passeggiata; oltre a rendere ancora più complicato, per le persone affette da disabilità fisiche costrette a servirsi delle apposite rampe, l’accesso alla struttura.

mercato coperto-2Altro fattore importante è quello legato all’igiene pubblica, come già scritto le acque confluiscono sulla rampa e sui marciapiedi, e qui rimangono, stagnando e creando un ambiente favorevole alla riproduzione degli insetti, oltre a fornire acqua necessaria per la sopravvivenza di eventuali infestanti, come possono essere i topi.

Tutto questo in una piazza dove giornalmente vengono esposti o trasportati alimenti che finiscono sulla tavola di molti brindisini; detto questo è facile immaginare le possibili conseguenze, ma ancora più semplice, in questo caso, trovare una soluzione. Prima che qualcuno si faccia male, naturalmente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo scarico dell'acqua sulla rampa per disabili: altra perla di Piazza Mercato

BrindisiReport è in caricamento