Cronaca

Formica chiude i cancelli e vuole garanzie: nuova emergenza rifiuti

Dalle ore 12 di oggi, mercoledì 25 marzo, a Brindisi e provincia è di nuovo emergenza rifiuti. Formica Ambiente si è riservata di accogliere la richiesta di proroga di dieci giorni dell’accordo sottoscritto con Nubile. Intanto Monteco sbarca a Lecce

BRINDISI - Dalle ore 12 di oggi, mercoledì 25 marzo, a Brindisi e provincia è di nuovo emergenza rifiuti. Formica Ambiente si è riservata di accogliere la richiesta di proroga di dieci giorni dell’accordo sottoscritto con Nubile, avanzata dall’Organo di governo d’ambito nella riunione svoltasi, lunedì 23 marzo a Palazzo Nervegna, in attesa di un nuovo incontro Oga convocato dal presidente Mimmo Consales per domani mattina (giovedì 26 marzo) alle ore 9.

La discarica quindi ha chiuso i battenti  ecco perché Nubile, il gestore del biostabilizzatore potrà accogliere i camion dei venti Comuni della provincia di Brindisi fino a quando le celle dell’impianto non saranno piene, dopodiché la città sarà, ancora una volta, sommersa di spazzatura se nel frattempo non si sbloccherà la situazione.

L’incontro di ieri (martedì 24 marzo) tra Luca Screti, amministratore della ditta di smaltimento rifiuti e i gestori della discarica, pare non abbia avuto gli effetti sperati. La situazione è complessa, i nodi da sciogliere sono tanti e alla base di tutto resta il problema relativo al pagamento delle spettanze per lo sversamento dei rifiuti in Formica e alle precise garanzie finanziarie che quest’ultima continua a chiedere a Nubile con una fideiussione bancaria per evitare che possano prolungarsi i tempi di incasso dei compensi pattuiti. Un onere che la ditta non ha intenzione di assumersi.

D’altra parte, nessuna soluzione pare sia ancora emersa dalla riunione che, sempre ieri mattina, si è svolta a Bari tra una delegazione di sindaci  dell’Oga e i rappresentanti della Regione Puglia sulla questione che riguarda la discarica di Autigno, chiusa nei giorni scorsi dallo stesso ente a causa dell’eccessivo inquinamento della falda acquifera.

Insomma, stando ai fatti, la città a distanza di una settimana sarà di nuovo invasa dai rifiuti. Ma intanto, malgrado l’emergenza sia scattata già da qualche ora, i sindaci del consiglio dell’Oga si riuniranno domani mattina per un incontro alla quale oltre ai responsabili di Nubile, dovrebbero partecipare anche i gestori di Formica Ambiente decisi a ribadire – come già accaduto in precedenza – non solo la questione relativa alle garanzie finanziarie, ma anche quella che riguarda le 300 tonnellate giornaliere di rifiuti indifferenziati prodotti nella provincia di Brindisi che non possono essere accolti completamente in Formica e per cui sarà necessario rivolgersi ad altre discariche.

Intanto, per la cronaca e per restare in tema di rifiuti, forse interesserà sapere che Monteco, che ha gestito la raccolta a Brindisi per alcuni anni ed ha lasciato nella maniera tempestosa e conflittuale (con il Comune) che oramai tutti conoscono, è sbarcata a Lecce, come fa sapere in un comunicato: “L’azienda dà il via alla raccolta differenziata nel capoluogo salentino che finalmente potrà contare su una gestione dei rifiuti efficiente e di qualità. Un’importante novità che sarà introdotta attraverso un party inaugurale: l’appuntamento è per venerdì 27 marzo alle 11 presso il cantiere di via San Nicola, a Lecce”.

“Monteco è pronta a fare la differenza, mettendo in campo tutti gli strumenti di cui dispone: le competenze, le risorse umane, la tecnologia e la professionalità maturata nel corso di mezzo secolo. Con un servizio porta a porta, puntuale e innovativo,  Lecce cambierà volto dimostrando di essere una realtà virtuosa al Sud e in tutta Italia”. E il centro storico di Lecce sarà una sfida molto dura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Formica chiude i cancelli e vuole garanzie: nuova emergenza rifiuti

BrindisiReport è in caricamento