Cronaca Centro Storico / Via del Mare

Scempio sotto le mura di Porta Lecce: monumenti nel mirino degli incivili

Ancora un caso di inciviltà si verifica a Brindisi in pieno centro storico. Protagonista, questa volta, il torrione delle mura di porta Lecce, accanto al parco giochi di via Del Mare. Come si evince dalla foto, lo stato di degrado e di abbandono è tangibile. Materassi e sudiciume di vario genere insozzano la zona, oltre allo stato di totale trascuratezza della struttura

BRINDISI – Ancora un caso di inciviltà si verifica a Brindisi in pieno centro storico. Protagonista,  questa  volta, il torrione delle mura di porta Lecce, accanto al parco giochi di via Del Mare. Come si evince dalla foto, lo stato di degrado e di abbandono è tangibile. Materassi e sudiciume di vario genere insozzano la zona, oltre allo stato di totale trascuratezza della struttura, ricoperta da erbacce incolte. L’immagine non lascia spazio all’inventiva.  E’ facile desumere che non esista manutenzione alcuna del complesso murario. 

Le pubbliche istituzioni riescono a fare ben poco rispetto a situazioni come questa. Ma è anche vero che dovrebbero essere i cittadini ad avere maggior rispetto nei confronti della loro città, pur non volendo sollevare gli enti competenti dalle loro responsabilità

Non è la prima volta, del resto, che su questo giornale vengono documentati analoghi episodi di incuria e al vandalismo. Come nel caso del tempio di San Giovanni al sepolcro, al quale sono stati dedicati vari articoli. Ma nulla cambia. La via d’accesso all’edificio, come sempre  inondata di immondizia via san giovanni al sepolcro-3che trabocca dai bidoni, è piena di graffiti, veri e propri atti di vandalismo gratuiti. E bisogno tenere presente che si ha a che fare con un’opera  delll’XI secolo dopo Cristo, realizzata in età normanna: un patrimonio storico di incommensurabile valore per la città.

Stessa sorte anche per la chiesa del Cristo, che si trova sulla sommità delle mura di Porta Lecce. Su questa zona grava da tempo una situazione di totale inciviltà. Le antiche mura erette attorno al 1232 dai frati Domenicani sono bersaglio di atti di vandalismo. Il basolato è sporco e ricoperto di mozziconi di sigarette (nella foto a destra, rifiuti e scritte con la bomboletta sulla via d'accesso al tempio di San Giovanni al sepolcro).  

E poi c’è il Monumento al marinaio,  le cui scalinate di collegamento col piazzale sottostante sono cosparse di vetri di bottiglia e graffiti, come il resto dell’area circostante.  L’inciviltà imperante cui sono soggetti i monumenti storici ovviamente non riguarda tutti i cittadini, buona parte dei quali è sempre pronta a denunciare simili scempi. Ma una sparuta minoranza, di incivili, purtroppo, può fare grossi danni. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scempio sotto le mura di Porta Lecce: monumenti nel mirino degli incivili

BrindisiReport è in caricamento