menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Massimiliano Marino

Massimiliano Marino

Scomparsi, esame videoregistrazioni

SAN DONACI – I cinque fori trovati sul cofano della Lancia Lybra di Massimiliano Marino, il 34enne di San Donaci scomparso domenica scorsa insieme al 37enne di Campi Salentina Luca Greco, sono stati esplosi a ottobre dello scorso anno.

SAN DONACI - I cinque fori trovati sul cofano della Lancia Lybra di Massimiliano Marino, il 34enne di San Donaci scomparso domenica scorsa insieme al 37enne di Campi Salentina Luca Greco, sono stati esplosi a ottobre dello scorso anno quando la vettura apparteneva a un soggetto di Carmiano, Lecce, di cui al momento non sono state rese note le generalità.

Massimiliano Marino aveva acquistato quella Lancia Lybra, che ieri è stata trovata carbonizzata nelle campagne tra Squinzano e Cellino Sa Marco, solo due mesi fa. Dei due scomparsi, però, al momento non c'è alcuna traccia. Sull'attività investigativa, condotta dai carabinieri della compagnia di Campi Salentina insieme ai colleghi di Francavilla Fontana sotto la direzione della Procura di Lecce, si mantiene lo stretto riserbo.

Le campagne circostanti la zona in cui è stata trovata la vettura, in contrada "Giovanella" sono state setacciate da cima a fondo ma non sarebbero stati trovati elementi che possono risultare utili ai fini del ritrovamento dei due scomparsi. Una risposta sulla pista da seguire potrebbe arrivare anche dalla visualizzazione dei fotogrammi delle telecamere presenti nei Comuni di Campi, San Donaci e Cellino San Marco nella speranza di ricostruire, almeno, il tragitto della Lancia Lybra di Massimiliano Marino.

Con quell'auto il 34enne alle 14,30 di domenica scorsa ha lasciato il suo paese natale per dirigersi a Campi e con la stessa alle 17,15 ha lasciato il comune salentino insieme all'amico per dirigersi, da quanto i due avrebbero riferito ai famigliari, al centro commerciale Ipercoop di Surbo.

Al momento non sono nemmeno stati trovati i corpi, nel caso questa vicenda abbia già il risvolto che nessuno vorrebbe aspettarsi. Si sta cercando di capire se nel mirino degli eventuali killer c'era il vecchio proprietario della Lybra, considerato che l'auto era stata ceduta solo due mesi fa.

Si cerca ininterrottamente. Intanto sale l'angoscia per i famigliari. Da domenica pomeriggio nessuno ha notizia dei loro congiunti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento