Cronaca

Telecamere nascoste contro gli inquinatori: multa da 166 euro a sei incivili

Attraverso telecamere nascoste sono stati scoperti sei inquinatori tra Torchiarolo e marine. Riceveranno una multa da 166 euro per aver violato l'ordinanza del sindaco n. 111/2016 che prevede una sanzione che varia da euro 150 a 500 euro

TORCHIAROLO – Continua l’azione di controllo da parte degli agenti della Polizia locale di Torchiarolo, al comando del tenente Lorenzo Renna, tesa a punire chi non rispetta l’ambiente e abbandona indiscriminatamente rifiuti per strada, nonostante un servizio di ritiro a domicilio. Attraverso telecamere nascoste sono stati scoperti sei inquinatori tra Torchiarolo e marine. Riceveranno una multa da 166 euro per aver violato l’ordinanza del sindaco n. 111/2016 che prevede una sanzione che varia da euro 150 a 500 euro.

167b5e9b-2efe-4566-a926-b605c7c679ed-2Poltrone, sacchi di spazzatura, e materiale vario sono stati abbandonati negli ultimi giorni per le vie delle marine di Torchiarolo e Lendinuso. Una condotta ingiustificabile e intollerabile ormai se si considera che i rifiuti ingombranti vengono ritirati a domicilio previa telefonata al numero verde 800 80 10 20 e che il resto viene raccolto secondo un calendario prestabilito.

Un calendario non condiviso dalla maggior parte della popolazione dal momento che l’indifferenziata che comprende anche l’umido viene raccolta solo tre giorni a settimana (lunedì, giovedì e sabato) creando veri e propri disagi e disservizi, specie perché lo stesso calendario vale per le attività commerciali che producono rifiuti in quantità nettamente superiore rispetto alle abitazioni private. Ma questo non giustifica l’abbandono indiscriminato di rifiuti nelle campagne e agli angoli delle strade, anche questi comportamenti mettono a rischio la salute pubblica. I controlli a mezzo telecamere nascoste continueranno anche nei prossimi giorni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Telecamere nascoste contro gli inquinatori: multa da 166 euro a sei incivili

BrindisiReport è in caricamento