rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca Carovigno

Si era appropriato di immobili e risparmi di un'anziana per 435mila euro

Scoperto un caso di circonvenzione a Carovigno: beni e danaro bloccati dalla Finanza

CAROVIGNO – Il sistema, o il punto di approccio, è sempre lo stesso: offrire ad una persona anziana che vive da sola assistenza, conquistarne la fiducia e poi  appropriarsi dei suoi beni facendoseli intestare o affidare. E’ questo lo schema di un caso accertato dalla Guardia di Finanza a Carovigno, e chiuso al momento con il sequestro preventivo dei beni immobili della vittima, e in seconda battuta anche dei conti correnti e dei titoli riconducibili all’indagato e a suoi parenti, in cui erano confluiti i risparmi dell’anziana signora al centro della vicenda.

Ad operare, i militari della compagnia di Ostuni della Guardia di Finanza assieme al pm interessato del caso dopo una segnalazione formale giunta da alcuni congiunti della vittima. Le indagini sono state svolte rapidamente, per evitare rischi al piccolo patrimonio immobiliare dell’anziana, costituito da tre proprietà del valore complessivo di 200mila euro che erano ormai passate nella disponibilità dell’indagato. E sempre con lo stesso fine, il magistrato competente ha emesso un decreto di sequestro preventivo che gli uomini del capitano Gerardo Chiusano hanno eseguito, mettendo così gli immobili al sicuro da ogni manovra ulteriore.

Nel 1997 Carovigno teatro di una tragedia analoga

Nel corso delle indagini però i finanzieri hanno accertato che anche il libretto di risparmio della signora era stato svuotato: 235mila euro erano passati, si può dire, nelle tasche dell’indagato che li aveva trasferiti sia su conti correnti che investiti in titoli intestati a suoi parenti. Si è reso necessario pertanto un secondo decreto di sequestro dedicato ai titoli e3 ai depositi bancari individuati dagli specialisti della Guardia di Finanza. Entrambi i provvedimenti di sequestro preventivo sono già stati convalidati dal giudice delle indagini preliminari, mentre la persona che aveva architettato e attuato il trasferimento illecito dei beni dell’anziana è stato denunciato per circonvenzione di incapace.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si era appropriato di immobili e risparmi di un'anziana per 435mila euro

BrindisiReport è in caricamento