menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il cerchione distrutto

Il cerchione distrutto

Scoppia una gomma, Tir fuori controllo

BRINDISI – Momenti di tensione poco dopo le 9,30 di questa mattina sulla 379, la superstrada che collega Bari a Brindisi.

BRINDISI - Momenti di tensione poco dopo le 9,30 di questa mattina sulla 379, la superstrada che collega Bari a Brindisi: sulla corsia sud un autoarticolato che trasportava materiale edile e autobotti, a causa dello scoppio del copertone posteriore sinistro, è diventato incontrollabile mettendo a rischio sia lo stesso camionista, un uomo di San Cesario, che l'incolumità degli altri automobilisti.

L'immediata segnalazione al comando della polizia municipale da parte di un uomo che ha notato la scena e l'immediato arrivo di alcune pattuglie dei vigili urbani, impegnate in alcuni controlli alla circolazione stradale nel tratto compreso tra lo svincolo Apani e quello Paradiso-Aeroporto Civile direzione sud, ha risolto il problema della messa in sicurezza della carreggiata.

Il grosso automezzo, che da quanto è stato accertato era incontrollabile al punto che il suo guidatore non è riuscito a fermarlo, è stato scortato dalla pattuglia della polizia municipale fino a quando non è riuscito a raggiungere una piazzola di sosta sulla statale 16 per San Vito.

Controllati i documenti sia di viaggio che di trasporto sono emerse alcune violazioni al codice della strada che sono state multate per un totale di oltre 230 euro. I resti degli pneumatici sparsi sulla carreggiata sono stati rimossi dal personale di una ditta che si occupa della manutenzione delle strade per conto dell'Anas.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Allarme lupi: stragi di asini e capre nelle campagne

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento