Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Scu, estorsioni e discoteche: processo per sette brindisini

Tra gli imputati Tobia Parisi, considerato dalla Dda a capo del gruppo riconducibile a Daniele Vicientino e arrestato nel blitz The Beginners. Quattro patteggiamenti a un anno, pena sospesa. Parti civili i Comuni di Torre Santa Susanna e Mesagne anche in abbreviato. Brindisi non c’è

BRINDISI – A distanza di quasi un anno dagli arresti sotto la voce The Beginners su presunti nuovi volti della Scu, sei brindisini sono stati rinviati al giudizio del Tribunale: l’accusa di essere stato alla testa del gruppo di stampo mafioso è stata contestata a Tobia Parisi, originario di Mesagne, considerato il diretto referente di Daniele Vicientino, alias il professore, in carcere dal 2010 con il blitz Calypso.

operazione beginners - i componenti dei due clan-2

Parisi, difeso dall’avvocato Giancarlo Camassa, è accusato di estorsione ai danni del titolare di una discoteca del Brindisino per la gestione dei parcheggi nel periodo estivo. Accusa che l’imputato respinge, ma che è confermata in toto dal Tribunale del Riesame. Processo ordinario oltre che per lui per: Morris Cervellera, Renato Simonetti, i cugini Giuseppe Carlucci, Valerio Di Nunzio, Roberta Franco e Alessandro Nardelli. Tutti coinvolti, sia pure a diverso titolo, nell’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia che sfociò nelle ordinanze di custodia cautelare il 23 febbraio 2016.

Questa mattina sono stati definiti quattro patteggiamenti: il concordato di pena a un anno è stato accolto per Giuseppina Magli Di Maggio, Lucio L’Incesso, Piero L’Incesso e Angela Albanese. Il gup ha riconosciuto il beneficio della sospensione per gli imputati che rimasero indagati a piede libero.

Hanno già optato per il processo in abbreviato, puntando alla riduzione di un terzo della pena, 32 imputati: Luca Ciampi, considerato a capo del gruppo di stanza a Brindisi, Marco Antico, Luigi Campana, Fabrizio Campioto, Ivano Cannalire, Aldo Cigliola, Salvatore Del Monte, Davide Di Lena, Franco Dimastrodonato, Marcello Di Mola, Massimo Esperti, Francesco Franchin, Luigi Girardo, Veronica Girardo (compagna di Tobia Parisi) Antonio Grassi, Monica Grassi, Alessandro Leto, Tamara Niccoli, Roberto Orlando, Cosimo Papa, Alfonso Polito, Giuseppe Polito, Mario Polito, Andrea Prudentino, Claudio Pupino, Andrea Reho, Antonio Tarantino, Francesco Trane, Vincenzo Trono, Giuseppe Vantaggiato, Giuseppe Vinci.

Nei capi di imputazione figurano estorsioni anche ai giostrai di Brindisi in occasione della festa patronale. Il Comune capoluogo non si è costituto parte civile pur essendo stato riconosciuto parte lesa. Sono, invece, rappresentanti in giudizio le Amministrazioni comunali di Torre Santa Susanna con l’avvocato Domenico Palombella il quale ha chiesto un ristoro pari a 200mila euro a titolo di danni anche di immagine per la comunità e di Mesagne con l’avvocato Anna Lisa Valente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scu, estorsioni e discoteche: processo per sette brindisini

BrindisiReport è in caricamento