menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scu, omicidio Presta: tre pentiti e due testimoni oculari

Sandro Campana: “Carlo Solazzo in contrasto con il fratello per la gestione della droga”. Sentiti anche Gravina e Passaseo e due testi oculari

BRINDISI – “Carlo Solazzo era un nostro affiliato e in quel periodo era in contrasto con il fratello Pietro per la gestione di alcune attività illecite, come lo spaccio di droga: ho appreso queste notizie nel periodo in cui ero ristretto in carcere”. Ha testimoniato da una località protetta, il pentito della Scu Sandro Campana, ascoltato nel processo per l’omicidio di Antonio Presta, avvenuto il 5 settembre 2012 davanti alla sala giochi di San Donaci: unico imputato è Carlo Solazzo, ritenuto il killer dalla Dda di Lecce.

I collaboratori di giustizia

CAMPANA SANDRO (1)Sadnro Campana (nella foto al lato), fratello di Francesco, considerato a capo della frangia storica della Sacra Corona Unita (quella del gruppo Buccarella di Tuturano) è stato citato dal pm Alberto Santacatterina assieme ad altri due collaboratori di giustizia, Francesco Gravina, alias il Gabibbo, originario di Francavilla Fontana, e Antonio Passaseo di Brindisi. In occasione dell’ultima udienza sono stati sentiti anche due testimoni oculari.

I pentiti sono stati interrogati dal pm in videoconferenza da tre siti segreti, noti unicamente al sistema centrale di protezione, e hanno risposto ad alcune precisazioni sulle affiliazioni chieste dal presidente della Corte d’Assise, Domenico Cucchiara (a latere Francesco Cacucci). Nonché a richieste di chiarimenti degli avvocati Pasquale Annicchiarico, difensore dell’imputato il quale, anche questa volta, è stato presente in aula, e Francesco Maria De Giorgi, il legale che rappresenta in giudizio il padre della vittima, Gianfranco Presta.

Sia Campana, l’ultimo dei pentiti della Scu, sia gli altri due, hanno confermato quanto sostenuto nei verbali confluti nell’inchiesta chiamata Omega, partendo dalle affiliazioni alla Scu: “Carlo Solazzo era affiliato all’associazione di stampo mafioso, prima al gruppo di Monteforte, poi a quello di Campana”.

Il movente dell’omicidio

Carlo Solazzo-2L’accusa per Solazzo (foto accanto), già condannato in primo grado a 25 anni di reclusione per associazione di stampo mafioso e narcotraffico,  è di “omicidio premeditato aggravato dalle modalità mafiose” perché  il fatto di sangue secondo la Dda di Lecce sarebbe maturato in seno alla frangia della Sacra Corona Unita che operava nel settore della droga tra i comuni di San Donaci e Cellino San Marco. Antonio Presta, come già evidenziò il risultato dell’autopsia, morì “a causa di un violentissimo trauma cranico”: venne prima raggiunto da “numerosi colpi di pistola calibro 38”, poi finito con il calcio di un fucile calibro 12 che, stando alla ricostruzione, si sarebbe inceppato.

Quanto al movente, l’accusa sostiene che Presta avesse “sfidato  Carlo Solazzo nel ruolo di vertice, entrando in contrasto nella gestione del traffico di sostanze stupefacenti, essendo per di più il figlio di Gianfranco, collaboratore di giustizia”.

Il fratello di Carlo, Piero, difeso dall’avvocato Stefano Prontera, è indicato come appartenente alla frangia della Scu, attiva nel narcotraffico, settore di attività contestata a Daniela Presta, la sua convivente, sorella di Antonio Presta (nella foto in basso), la prima ad aver intuito chi fosse stato l’autore dell’omicidio, stando a quanto sostenuto dai pm. Determinanti sarebbero i colloqui in carcere tra lei e il convivente, nei passaggi in cui si fa riferimento a che a quanto era avvenuto prima del fatto di sangue.

Fonti di prova: le intercettazioni

Antonio Presta, la vittimaRispetto alla posizione di Carlo Solazzo sono fonti di prova diverse intercettazioni ambientali nelle auto di alcuni degli indagati accusati di traffico di droga (nel frattempo diventati imputati, essendo sotto processo con rito abbreviato) considerate alla stregua di confessioni.

Dopo l’omicidio, stando a quanto si legge nel provvedimento di arresto, Daniela Presta si lasciò scappare di essere stata lei, assieme al fratello, ad agire per l’incendio dell’abitazione di Carlo Solazzo, il 15 agosto 2012. Pensava di non essere intercettata. Piero Solazzo, al contrario, temeva le cimici. “Tuo fratello c’entra qua dentro, ci odia a morte, sa che siamo stati noi”: lo dice Daniela Presta il 15 settembre, dieci giorni dopo l’omicidio, al suo compagno. Il 13 ottobre, sarà Pietro Solazzo a parlare di una “guerra con il fratello Carlo”, anche perché nel frattempo c’era più di qualcuno che in paese alimentava i sospetti sul coinvolgimento nel delitto: “Deve morire sparato in testa e non lo devono neanche trovare”.  Carlo Solazzo, il 6 marzo 2013,  confesserà di essere stato l’autore dell’omicidio, nel corso di un colloquio con uno degli indagati, Marco Pecoraro: “Quando mi vide (Antonio Presta, ndr) capì”. E Pecoraro: “Hai fatto bene, se l’è meritato”.

I testimoni oculari

In occasione dell’ultima udienza del processo sono stati ascoltati anche due testimoni oculari, rintracciati dai carabinieri subito dopo l’omicidio. Entrambi hanno riferito di aver visto arrivare una Lancia Delta di colore bianco: c’erano due uomini con il volto nascosto da passamontagna. A sparare, sarebbe stato il passeggero. Ma uno ha riferito di averlo visto scendere dall’auto, l’altro ricorda invece che quell’uomo non scese ma iniziò a sparare dal finestrino.

La Lancia Delta usata dai killer di Antonio Presta

L’imputato, dopo gli arresti si avvalse della facoltà di non rispondere: il primo provvedimento venne seguito a dicembre 2016 e successivamente annullato dal Tribunale del Riesame per mancanza della motivazione autonoma del gip. L’imputato venne arrestato una seconda volta, lo scorso 20 settembre 2017, ed è tuttora ristretto in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Allarme lupi: stragi di asini e capre nelle campagne

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

  • Emergenza Covid-19

    Covid, cure a domicilio: "Più di 1500 i pazienti già seguiti dalle Usca"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento