Cronaca

Play Energy, ecco le scuole vincitrici e le menzioni speciali per il 2015

Si è tenuta presso l’auditorium della centrale termoelettrica Enel “Federico II” di Brindisi, la premiazione dei vincitori regionali scelti tra le classi pugliesi che hanno partecipato alla dodicesima edizione di “PlayEnergy”, il progetto ludico-educativo promosso da Enel dedicato al mondo delle scuole nazionali ed estere con l’obiettivo di informare e coinvolgere i giovani sui temi dell’energia e della tutela dell’ambiente

BRINDISI - Si è tenuta presso l’auditorium della centrale termoelettrica Enel “Federico II” di Brindisi, la premiazione dei vincitori regionali scelti tra le classi pugliesi che hanno partecipato alla dodicesima edizione di “PlayEnergy”, il progetto ludico-educativo promosso da Enel dedicato al mondo delle scuole nazionali ed estere con l’obiettivo di informare e coinvolgere i giovani sui temi dell’energia e della tutela dell’ambiente.

La sfida si è conclusa con la realizzazione di disegni, plastici, fumetti, racconti, cartelloni, video e progetti su temi chiave quali innovazione, efficienza, sostenibilità, tecnologia, consumo intelligente. I migliori, passati al vaglio da una giuria regionale, hanno ricevuto un riconoscimento consegnato da Gioacchino Margarito, assessore con delega alla Cultura del Comune di Brindisi, Nicola Serinelli, sindaco di Torchiarolo,  Vincenzo Melilli, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Brindisi e Fausto Bassi, responsabile della Produzione Enel di Brindisi.

“PlayEnergy ha come obiettivo stimolare nei giovani la consapevolezza del valore e dell’importanza delle scelte energetiche necessarie allo sviluppo del Paese – ha affermato Fausto Bassi salutando gli studenti in occasione della premiazione – Con questa iniziativa cerchiamo di accrescere consapevolezza e responsabilità sulle tematiche ambientali e sul risparmio energetico, nonché promuovere sul territorio collaborazione fra scuola, cittadinanza ed Enel”.

Questo progetto è un impegno che si rinnova tutti gli anni coinvolgendo migliaia di studenti di ogni grado scolastico con materiali cartacei, risorse online, iniziative sul territorio, il concorso internazionale, approfondimenti didattici trattati con taglio scientifico, aperture pluridisciplinari e spunti per proseguire il percorso oltre la scuola. Play Energy Enel ha offerto la possibilità agli studenti, attraverso i differenti temi affrontati, di approfondire altrettanti aspetti specifici del mondo dell’energia elettrica.

Ogni classe ha scelto quindi un argomento da affrontare elaborando un progetto. Quest’anno, inoltre, si è deciso di dedicare spazio anche al legame tra energia e cibo, due risorse fondamentali e un diritto per tutti: è stato un modo per portare un po’ di Expo 2015 in ogni scuola e contribuire in maniera originale al tema dell’evento “Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita che ha accompagnato l’evento”. Ecco le scuole vincitrici.

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII-Valesium 1-2Per la Categoria Scuola Primaria - Classe 3°, insegnante Cosima Spedicati, della scuola Istituto Comprensivo Giovanni XXIII-Valesium di Torchiarolo (BR), progetto “Basterebbe cambiare testa”. Attraverso un breve filmato i bambini hanno voluto dimostrare che per salvaguardare il proprio ambiente bastano piccoli e semplici gesti nella vita di ogni giorno: usare la bici e l’energia delle proprie gambe, non sporcare le strade o abbandonare rifiuti nei campi, differenziare i rifiuti. Tutto può contribuire a combattere ogni forma di inquinamento, rispettare l’ambiente, la salute e crescere meglio.

IC Don Milani - Scuola Media G. Ungaretti di Bari 1-2Per la Categoria Scuola Secondaria di 1°grado - Classi 3A, 3B, 3D, insegnante Nicola Sasanelli, della scuola Istituto comprensivo Don Milani, plesso G. Ungaretti, di Bari, progetto “Buone idee per la scuola del futuro!”. Riproduzione in scala e con materiale di riciclo di un’aula della scuola dotata di un sistema di controllo per il risparmio energetico basato su: la scheda elettronica open source Arduino; lampade LED; sensori di contatto digitali (pulsanti) in grado di essere azionati dal peso delle persone presenti nell’aula;         un sensore di luminosità analogico, che produce un segnale in grado di far variare l’intensità luminosa delle lampade e risparmiare energia.

Liceo artistico IISS Pietro Colonna di Galatina 3-2Per la Categoria Scuola Secondaria di 2°grado - Classe 5B indirizzo Audiovisivo e Multimediale, insegnante Alessandra Mazzotta, della scuola  Liceo Artistico IISS Pietro Colonna di Galatina (LE), progetto “Diamo all’energia un’energia nuova”. Numerose idee che la classe ha voluto sintetizzare con una raccolta di elaborati pubblicitari e un breve spot multimediale. Ciascun ragazzo ha pensato all'energia nel tentativo che progettando si potesse comunicare un idea creativa, guardando al futuro! L'Expo 2015 è il futuro; il cibo, l'energia: risorse indispensabili per nutrire il nostro Pianeta. Ecco che dopo una serie di progetti che hanno visto l'ideazione ed l'elaborazione del logo con l'applicazione della corporate branding, si è pensato alla realizzazione di un breve spot pubblicitario: "Vestiti di Energia". Per i ragazzi l'energia è ovunque, nel nostro modo di comunicare, nel modo di comunicare dei giovani che diventano essi stessi contenitori di un'energia inesauribile.

La Commissione ha inoltre assegnato le seguenti 3 menzioni speciali che consentono l’accesso, insieme ai vincitori, alla selezione nazionale:

Guglielmo Marconi di Casamassima BA 2-2Per la Categoria Scuola Primaria - Classi 2F-2G, insegnante Daniela Troia, della scuola Guglielmo Marconi di Casamassima (BA), progetto “Flowers of light… energy for life!”. Ispirati dallo slogan di Expo 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la vita” i ragazzi hanno creato un giardino dei Valori, riciclando cartoni e trasformandoli in PRATI in cui coltivare valori. Le bottigliette d’acqua son diventati fiori di luce in grado di illuminare la loro realizzazione. L’idea è stata quella di realizzare alcune installazioni luminose formate da fiori di luce che illuminano prati di valori da coltivare nei diversi ambienti della scuola ispirandosi a cortesia, sostenibilità, efficienza, accoglienza, cooperazione.

Istituto Comprensivo di Vernole Castrì Caprarica 4-3Per la Categoria Scuola Secondaria di 1°grado - Classi 3A-3B-3C, insegnante Roberta Bertilaccio, dell’ Istituto Comprensivo di Vernole, Castrì, Caprarica scuola secondaria di Castrì e Caprarica (LE), progetto “The great challenge of the nature in… Salento”. Attraverso un prodotto multimediale sfogliabile, gli studenti hanno realizzato in lingua inglese una storia raccontata attraverso le parole degli Dei del sole del mare e del vento (per riprendere la tipica espressione salentina “lu sule lu mare e lu ientu”). Guardando all’expo i ragazzi si sono concentrati sulla necessità di puntare su ciò che la natura offre ispirando la semplicità e la genuinità della cucina povera salentina. Attraverso il racconto i ragazzi hanno sottolineato la ricchezza degli elementi naturali che caratterizzano il territorio – il sole, il mare, il vento – per riflettere sull’importanza delle energie rinnovabili in grado di migliorare la vita di chiunque.

Morvillo Falcone di Brindisi 1-2Per la Categoria Scuola Secondaria di 2°grado - Classe 4A Moda, insegnante Caterina Di Gioia, della scuola  IISS Morvillo-Falcone di Brindisi, progetto “L’energia … alla moda!”. I ragazzi hanno progettato due abiti, pret-à-porter e da sera, puntando su fibre naturali e  materiali di riciclo. Lo stile e gli accessori disegnati si fanno promotori di energia creativa, richiamando forme e colori che riportano alla sostenibilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Play Energy, ecco le scuole vincitrici e le menzioni speciali per il 2015

BrindisiReport è in caricamento