Rubato borsello durante richiesta di indicazioni stradali: la testimonianza di due vittime

Sono stati messi a segno in questo modo, lunedì scorso, due furti a danno di due cittadini di Brindisi, un agente della Polizia locale e una donna

BRINDISI - Uno ha chiesto indicazioni per raggiungere Fasano e mentre l’interlocutore spiegava, l'altro, approfittando del momento di distrazione, ha sottratto all'automobilista il borsello dal sedile. Sono stati messi a segno in questo modo, lunedì scorso, due furti a danno di due cittadini di Brindisi, un agente della Polizia locale e una donna, in due zone diverse della città. In un caso per fortuna il borsello con tutti i documenti è stato ritrovato. Di seguito la testimonianza delle vittime. Che hanno voluto rendere nota la notizia anche per mettere in guardia gli altri cittadini. 

La testimonianza di Vincenzo Leo con ringraziamento 

Sono Vincenzo Leo, ispettore della Polizia Locale, e sento il dovere di raccontare una vicenda a me accaduta lo scorso 5 ottobre al fine di allertare i cittadini su un potenziale rischio di venir derubati, ma sopra ogni cosa, per un sentimento di gratitudine verso una persona, doppiamente meritevole, per la sua attività e per il suo comportamento virtuoso.

Il fatto: di rientro da Bari, dove mi ero recato per motivi di salute, mi sono fermato, come sempre faccio, presso il Santuario della Madonna di Jaddico, cui sono devoto, venendo fermato da un individuo, con ogni probabilità originario di un paese dell'Est, il quale allarmato per aver perso la strada mi chiedeva indicazioni per raggiungere la Selva di Fasano (solo più tardi avrei capito che era un modo per dare più tempo ai suoi complici per operare nell’abitacolo della mia macchina). Salutato il personaggio mi sono serenamente messo in auto e rientrato a casa.

Dopo alcune ore ricevo una chiamata dal mio Comando di Polizia Locale che mi comunicava il ritrovamento di un mio borsello da parte di un cittadino di Mesagne che poi ho scoperto essere un operatore della Croce Amica per l’appunto di Mesagne. In quel borsello custodisco tutti i miei documenti: da carta di identità, alla tessera sanitaria, dal bancomat alle carte di credito: insomma, tutto quello che serve per interagire con il mondo, virtuale e reale, un bel danno.

Ripresomi dallo stupore, in quanto sino ad allora non mi ero accorto di nulla, ho immediatamente cercato di individuare il mio benefattore del quale avevo solo il nome di battesimo “Antonio”. Così ho chiamato la "Croce Amica" e mi ha risposto la gentilissima Sara Diviggiano, che ci ha tenuto a passarmi il presidente Ugo Calò, che ha confermato, non senza un velo di emozione, che lo spirito dell’associazione è esattamente quello interpretato dal loro operatore di cui ho finalmente potuto conoscere il nome per intero, Antonio Andriulo che ho sentito al telefono e spero di incontrarlo quanto prima. Lui, dopo essersi schernito e aver minimizzato il bel gesto mi ha raccontato di aver trovato il borsello nei pressi dell’ospedale dove probabilmente non trovandovi denaro contante i malfattori se ne sono disfatti. 

Concludendo, grande merito al caro Antonio e un monito per chi frequenta la Chiesa di Jaddico dove non è  improbabile che venga reiterata la squallida prassi di approfittare di un momento di raccoglimento e di fede  per mettere a segno loschi piani, al di là del ruolo istituzionale che nei limiti consentiti è e rimane a disposizione del Santuario, mi permetto di suggerire a chi di competenza e se consentito l’installazione di videocamere che possano fungere, almeno, da deterrente per analoghe e spiacevoli circostanze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'altra segnalazione è giunta sulla pagina Facebook della redazione 

Mi è successo stamattina verso le 11.20 al parcheggio del centro commerciale “Le Colonne”. Mentre ero già in moto per uscire dal parcheggio, un ragazzo di circa 29, 29 anni, credo con gli occhi azzurri, capelli corti, carnagione chiara, con la faccia da bravo ragazzo, con accento barese, ma non credo lo fosse, con una macchina nera tipo quella di Diabolik, mi ha fermato per chiedermi indicazioni per andare a Fasano, dicendo che si era perso. Sono scena un attimo perché faceva finta, col senno di poi, di parlare e non capirci. Quando sono tornata in macchina e stavo andando via il “vivavoce” della macchina non riusciva a trovare il cellulare, stavo prendendo la borsa per controllarlo e mi sono resa conto che era sparita. Quindi mentre mi distraeva, un altro dallo sportello aperto, l’ha presa. Cosa importante che ho notato è che invece do prendere a destra per Fasano, è rinato indietro per la strada per Mesagne. Diciamo che sono stata una stupida ma non ho pensato minimamente a una cosa del genere. Mi sono fidata, voi no fatelo e passate parola e messaggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

  • Migrante investito da un neopatentato: tragedia sulla provinciale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento