menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il municipio di Cellino San Marco

Il municipio di Cellino San Marco

Se adotti un randagio non paghi la Tares

CELLINO SAN MARCO – “Se adotti un cane non paghi più la tassa sui rifiuti”. È questa la nuova iniziativa proposta dall'amministrazione di Cellino San Marco per contrastare il fenomeno del randagismo e per permettere ai cittadini di allegerire le spese per le tasse comunali e all'Ente di sborsare meno soldi per i cani.

CELLINO SAN MARCO - "Se adotti un cane non paghi più la tassa sui rifiuti". È questa la nuova iniziativa proposta dall'amministrazione di Cellino San Marco per contrastare il sempre più dilagante e pericoloso fenomeno del randagismo e per permettere ai cittadini di allegerire le spese per le tasse comunali e all'Ente di sborsare meno soldi per i cani ricoverati nel canile.

Il progetto voluto dal primo cittadino, l'avvocato Francesco Cascione e dal consigliere Daniele Orsini, verrà proposto al prossimo consiglio comunale per essere approvato. Si tratta di un intervento già adottato da altri Comuni del Leccese e che sta portando buoni risultati: gli sfortunati animali che non hanno una casa hanno trovato un padrone e questi in cambio non paga più la tassa sui rifiuti. Ovviamente deve dimostrare che si sta prendendo cura dell'animale e che gli ha dato una nuova famiglia.

Il Comune di Cellino San Marco ha all'attivo una convenzione con il canile "I giardini di Pluto" di Carovigno, struttura che un anno fa fu sequestrata , in via preventiva, dalla Forestale perchè al suo interno furono accertate numerose irregolarità per quanto riguarda la custodia degli animali. C'erano cani in soprannumero rinchiusi in box troppo piccoli che venivano dissetati con acqua di pozzo.

In questo canile ci sono circa cento cani per conto del Comune di Cellino, per ognuno di essi vengono sborsati poco più di 800 euro all'anno. Se il cittadino farà risparmiare all'Ente tutti questi soldi non pagherà più la Tares e in più avrà ridato una nuova vita a un povero cane indifeso costretto a dormire in freddi box. Dopo l'approvazione del progetto verrà istituito uno sportello apposito per procedere all'adozione e al tempo stesso per avviare le pratiche per ottenere l'esenzione della tassa sui rifiuti.

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento