rotate-mobile
Cronaca Via Francesco Crispi

Secondo anniversario dell'attentato: pomeriggio di riflessione al Dopolavoro

I temi della violenza e della follia umana saranno al centro di un incontro convocato per giovedì pomeriggio, ore 17, dall'Unione degli studenti Brindisi, nell'imminenza del secondo anniversario dell'attentato alla scuola Morvillo Falcone in cui morì la studentessa Melissa Bassi. Nei locali del Dopolavoro di Piazza Crispi si rifletterà su quel tragico 19 maggio

BRINDISI – I temi della violenza e della follia umana saranno al centro di un incontro convocato per giovedì pomeriggio, ore 17, dall’Unione degli studenti Brindisi, nell’imminenza del secondo anniversario dell’attentato alla scuola Morvillo Falcone in cui morì la studentessa Melissa Bassi. Nei locali del Dopolavoro di Piazza Crispi si rifletterà su quel tragico 19 maggio e sullo spirito di reazione mostrato dalla città già il giorno stesso dell’attentato, 

“Riteniamo fondamentale  - si legge in una nota dell’Uds - discutere e riflettere sul tema della violenza, della follia umana e dei contesti sociali in cui germoglia”. Tale discussione verrà supportata dalla presenza di Attilio Chimienti (Libera Puglia) e della psicologa Mariarita Greco.  “In seguito a questa fase di riflessione – si legge ancora nel comunicato dell’organizzazione degli studenti - ne verrà una seconda incentrata sulla memoria. Invitiamo chiunque abbia una cicatrice di quel periodo di maggio di ormai due anni fa a portare il proprio contributo e i propri ricordi: studenti, docenti, genitori, cittadini”.

Gli studenti intendono ricordare non solo la tragedia legata a quell'evento, ma anche “i sentimenti di rivalsa spinti dalla rabbia e dall'indignazione che hanno portato alla forte risposta sociale a quell'evento. Pensiamo a Piazza Vittoria mai così gremita di gente il pomeriggio stesso del 19, alle scuole aperte di domenica e nei pomeriggi come presidi di democrazia e legalità e a tutto il movimento che ha avuto massima e definitiva espressione nella manifestazione nazionale ‘Io non ho paura’”.  

“Vogliamo unirci nel ricordo – prosegue l’Uds - dimostrando che non mettiamo nel dimenticatoio quello che la nostra città ha vissuto e ha saputo costruire in quei giorni. Per questo  - concludono gli studenti - invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare, ogni singolo cittadino, per costruire una riflessione e una memoria quanto più significative e libere”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Secondo anniversario dell'attentato: pomeriggio di riflessione al Dopolavoro

BrindisiReport è in caricamento