Cronaca Villa Castelli

Emissioni non autorizzate: sigilli a un frantoio oleario, denunciato l'amministratore

I carabinieri del Noe e i militari della guardia di finanza di Francavilla Fontana hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal gip del tribunale di Brindisi per violazioni del testo unico ambientale

VILLA CASTELLI – Sono stati posti sotto sequestro due impianti di un frantoio oleario situato a Villa Castelli che emettevano in atmosfera sostanze gassose, senza le autorizzazioni del caso. I sigilli sono stati apposti dai carabinieri del Noe di Lecce al comando del colonnello Nicola Candido e dai militari della guardia di finanza di Francavilla Fontana. L’amministratore della struttura è stato denunciato per emissioni in atmosfera non autorizzate.

L’area è stata interessata da un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del tribunale di Brindisi, Paola Liaci, su richiesta del pubblico ministero Milto Stefano De Nozza, il quale ha riunito due distinti ed autonomi procedimenti scaturiti da numerosi esposti presentati da privati cittadini, riguardanti le emissioni in atmosfera emesse da tale struttura.     

Gli impianti sequestrati erano destinati all’estrazione del nocciolino grezzo dalla sansa ed alla setacciatura del nocciolino grezzo dalla buccette di sansa. Gli stessi, da quanto appurato dagli inquirenti, emettevano in atmosfera sostanze gassose derivanti dalla trasformazione delle sanse vergini di oliva in sanse esauste in assenza della prescritta autorizzazione unica ambientale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emissioni non autorizzate: sigilli a un frantoio oleario, denunciato l'amministratore

BrindisiReport è in caricamento