menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Farmaci anabolizzanti in una scatola da scarpe: denuncia e sequestro

La scoperta è stata fatta dai carabinieri presso l'abitazione di un 32enne di Erchie. Sottoposte a sequestro dieci confezioni

ERCHIE – Nascondeva in una scatola da scarpe dieci confezioni di anabolizzanti. Un 32enne di Erchie è stato denunciato a piede libero per ricettazione di farmaci provenienti da canali di rifornimento illeciti. L’uomo ha ricevuto nella giornata di ieri (domenica 27 gennaio) la visita dei carabinieri della stazione di Erchie. La scatola piena di farmaci è stata trovata su di un armadio che si trovava nella camera da letto della sua abitazione. Sei delle confezioni sono state prodotte in India, Thailandia, Moldavia e Portorico, per un totale di 25 fiale e 50 compresse. Sono farmaci privi della prevista Aic (autorizzazione di immissione in commercio), che viene concessa dall’Aifa (Agenzia italiana del farmaco), per i farmaci commercializzati sul  territorio nazionale. 

Per quanto riguarda le altre quattro confezioni, per un totale di cinque fiale e 10 compresse, si tratta di farmaci prodotti in Italia che hanno la prevista Aic dell’Aifa, ma necessitano per essere assunti della  prescrizione di un medico specialista. Dagli accertamenti risulta che l’uomo non è in possesso di alcuna prescrizione sanitaria e non segue alcuna terapia a seguito della quale tali farmaci possono essere prescritti. Pertanto la loro provenienza deriva da canali non ufficiali.  Alla richiesta di chiarimenti sulla provenienza dei farmaci, il 32enne ha riferito di averli  acquistati in spiaggia, circa due anni addietro, da una persona di cui non ha voluto fornire le generalità. Tutti i farmaci sono stati sottoposti a sequestro.

La banca dati del farmaco, predisposta dall’Agenzia italiana del Ffrmaco, è l’unica banca dati ufficiale  che permette la consultazione dei riassunti delle caratteristiche del prodotto e dei fogli illustrativi  aggiornati dei farmaci autorizzati in Italia. La banca dati  pubblica, è destinata  a chiunque sia interessato ad acquisire informazioni aggiornate sui farmaci autorizzati in Italia.  Si tratta di uno strumento  di particolare utilità, sia  per gli operatori sanitari sia  per i pazienti, che, consultandola possono meglio comprendere i benefici  e i possibili effetti indesiderati  dei farmaci che sono stati loro prescritti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento